5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

5 effective tips and supplements to prevent Alzheimer's and Parkinson's disease

5 consigli e integratori efficaci per prevenire l’Alzheimer e il Parkinson

11 minutos 5900 views

Quanto pensa sia importante prendersi cura del cervello per prevenire l’Alzheimer e il Parkinson?

Entrambe sono malattie neurodegenerative che causano un progressivo deterioramento neurologico. Ci vogliono anni prima che vengano diagnosticati.

Questo significa che un trattamento precoce è impossibile, il che porta a danni eccessivi quando vengono alla luce. Da questo punto in poi, l’unica cosa fattibile da fare è attuare misure palliative per cercare di rallentare la progressione.

Pertanto, coccolare la nostra salute nervosa e prevenire lo sviluppo di queste patologie è essenziale. Come si può fare? Con uno stile di vita sano e integratori che ci aiutano a combattere i fattori di rischio.

Esistono modi per prevenire l’Alzheimer e il Parkinson oggi. È importante prendersi cura di se stessi ed essere consapevoli dei fattori che ci circondano.

Quali sono i fattori di rischio per l’Alzheimer?

L’Alzheimer fa sì che il cervello si restringa progressivamente e che i neuroni muoiano. È la causa più comune di demenza e il suo sintomo più caratteristico è la perdita di memoria. Secondo la Società Spagnola di Neurologia, 40.000 nuovi malati sono registrati ogni anno in Spagna.

L’origine esatta della malattia non è nota, anche se sono stati identificati molteplici fattori di rischio.

L’età è una delle principali. Si stima che il 3-4% della popolazione tra i 75 e i 79 anni soffra di Alzheimer, che sale al 34% in quelli oltre gli 85 anni.

I geni hanno un ruolo, ma non molto. Meno dell’1% dei casi sono dovuti a una predisposizione genetica.

Lo stile di vita gioca un ruolo importante. Stili di vita sedentari, obesità, cattiva alimentazione, fumo e alcol sono associati a una maggiore probabilità di soffrire della malattia.

Anche la mancanza di stimoli mentali e l’isolamento sociale sembrano favorire la sua progressione.

Ci sono anche molti altri fattori associati, come i problemi cardiovascolari e metabolici (ipertensione, colesterolo alto e diabete mal controllato), alcune condizioni cliniche (poco sonno, depressione, deterioramento cognitivo lieve, ecc.

Il sesso non è un fattore determinante.

Nueva llamada a la acción

Quali sono i fattori di rischio per la malattia di Parkinson?

Il Parkinson è un disturbo neurologico che colpisce il movimento. È caratterizzato principalmente da tremori. Tuttavia, ci sono altri sintomi comuni come la rigidità. Circa 10.000 casi sono diagnosticati ogni anno in Spagna, rendendola la seconda malattia neurodegenerativa più comune dopo il morbo di Alzheimer.

Tra i fattori di rischio, spicca anche l’età. Dai 65 anni in poi, la probabilità aumenta considerevolmente, anche se questo non è esclusivo degli anziani. Il 15% dei pazienti ha meno di 50 anni.

In questo caso, il genere ha un’influenza, poiché gli uomini hanno più probabilità di soffrire di Parkinson.

La genetica, come nell’Alzheimer, è poco coinvolta.

Alluminio e altri metalli: i peggiori nemici del cervello

Siamo esposti quotidianamente (più di quanto ci rendiamo conto) a metalli neurotossici che senza dubbio prendono un pedaggio enorme sulla salute dei nervi.

Una revisione ha concluso che gli accumuli di alluminio, cadmio e piombo nel cervello, così come i livelli alterati di ferro, rame, zinco e manganese, promuovono la malattia di Alzheimer.

Inoltre, è stato dimostrato che ci può essere una tossicità sinergica tra loro. In altre parole, se sono presenti insieme, il danno causato da ciascuno è maggiore che se fossero presenti separatamente.

Particolarmente degni di nota sono gli effetti dell’alluminio. C’è qualche controversia, ma la sua attività neurotossica è già stata osservata in diversi studi.

  • Produce un elevato stress ossidativo cellulare, che è strettamente legato alla progressione delle malattie neurodegenerative.
  • Promuove la formazione di placche amiloidi e grovigli neurofibrillari. Si tratta di due depositi proteici anormali coinvolti nello sviluppo del morbo di Alzheimer.

Qual è il risultato di questo? Una graduale degenerazione e morte dei neuroni.

Infatti, uno studio ha trovato un aumento significativo della mortalità per Alzheimer nei minatori esposti a un ambiente carico di alluminio.

5 consigli per prevenire l’Alzheimer e il Parkinson

Queste patologie sono legate all’età e alla genetica, sì, ma non fanno parte del normale invecchiamento.

Ci sono altri fattori, associati ad abitudini di vita sane, su cui si può agire per ridurre il rischio di soffrirne.

  • Fare regolare esercizio fisico.
  • Mangiare una dieta sana basata su prodotti freschi ed evitare l’eccesso di alimenti ultra-processati ricchi di grassi saturi (insaccati, oli vegetali, gelati, ecc.).
  • Dormi abbastanza e cerca di avere un sonno di qualità.
  • Smettere di fumare e limita il consumo di alcol.
  • Per quanto riguarda l’Alzheimer, partecipare a eventi sociali e impegnarsi in attività che comportano uno sforzo intellettuale. Leggere, suonare uno strumento, giocare a giochi da tavolo…. Tutto questo aiuta a preservare le capacità intellettuali e a rallentare l’usura neuronale.

Gli integratori più efficaci nella prevenzione dell’Alzheimer e del Parkinson

Mentre uno stile di vita sano è essenziale, a volte può essere insufficiente per prevenire queste malattie.

Da qui l’importanza di prendere integratori per prevenire l’Alzheimer e il Parkinson. Soprattutto quelli che impediscono l’accumulo di metalli nel cervello.

Uno dei più efficaci è il silicio organico, un potente neuroprotettore:

  • È un antagonista naturale dell’alluminio. Riduce la sua concentrazione nel corpo aumentando la sua escrezione urinaria e riducendo il suo assorbimento intestinale.
  • Ha una capacità depurativa. Favorisce l’eliminazione di vari metalli pesanti come il mercurio e il cadmio.
  • Ha proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Le patologie neurodegenerative sono generalmente associate a un elevato stress ossidativo e all’infiammazione. Il silicio contrasta questo.
  • Previene la morte cellulare, rallentando così il progresso del deterioramento neurologico.

Ci sono 2 formule molto specifiche con le quali è possibile sfruttare i benefici del silicio organico: Silicium G7 Siliplant Biodinamizado e G7 Neuro Health.

  • Aumentano l’agilità mentale.
  • Promuovere la concentrazione e la memoria.
  • Combattere gli effetti nocivi dell’alluminio e di altri metalli neurotossici.

Per prevenire l’Alzheimer e il Parkinson, non c’è altro modo. Devi prenderti cura di te stesso. Segui i consigli di cui sopra, integra la tua dieta e ti ringrazierai tra qualche anno – non lasciare che sia troppo tardi!

New Call-to-action
New Call-to-action

​ ​