5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

un ataque de ansiedad es peligroso

Attacco d’ansia: è pericoloso? Quello che non vi hanno detto

16 minutos 510 views

Avete paura delle conseguenze di un attacco d’ansia? Vi sentite troppo stressati ultimamente? Dovete sapere che i sintomi di un attacco d’ansia non sono pericolosi. Tuttavia, è necessario prestare molta attenzione perché possono indicare una condizione di salute sottostante.

In questo articolo spiegheremo che cos’è esattamente un attacco d’ansia, come identificare i primi segni e sintomi per cercare di gestire la situazione, le cause più comuni e una serie di consigli per trovare il sollievo necessario in questi casi.

New Call-to-action

Che cos’è un attacco d’ansia ed è pericoloso?

L’attacco d’ansia è un episodio di intensa paura e turbamento che, a differenza dell’attacco di panico che può verificarsi all’improvviso, sorge in risposta a determinati fattori di stress che possono svilupparsi gradualmente.

Gli attacchi d’ansia di solito raggiungono l’apice entro 10 minuti e non durano più di 30 minuti. Anche se l’attacco dura poco, la persona che ne soffre può sperimentare un episodio di paura acuta che la porta a perdere completamente il controllo. I sintomi fisici possono essere molto fastidiosi, tanto da indurre alcune persone a pensare di soffrire di una patologia cardiaca.

Attacchi d’ansia: sintomi da tenere presenti

Questi sono i sintomi che di solito accompagnano una crisi d’ansia:

  • Angoscia.
  • Preoccupazione.
  • Apprensione.
  • Paura di perdere il controllo o di morire.
  • Sensazione di distacco da se stessi o dal mondo.
  • Battito cardiaco accelerato o palpitazioni.
  • Dolore al petto.
  • Difficoltà di respirazione o sensazione di soffocamento.
  • Secchezza delle fauci.
  • Sudorazione, brividi o vampate di calore.
  • Tremori.
  • Formicolio o intorpidimento.
  • Mal di stomaco, dolore addominale o nausea.
  • Mal di testa.
  • Sensazione di debolezza o vertigini.

Quali sono le cause più comuni?

La radice del problema può essere molto diversa, ma anche se i fattori scatenanti sono molti, queste sono le cause più comuni:

  • Lavoro stressante.
  • Alcune situazioni sociali.
  • Fobie.
  • Ricordi di esperienze traumatiche.
  • Malattie croniche, come cardiopatie, diabete, sindrome dell’intestino irritabile o asma.
  • Dolore cronico.
  • Astinenza da sostanze che creano dipendenza come caffeina, alcol, alcuni farmaci…
  • Problemi alla tiroide.

Qual è la cosa peggiore che vi può capitare durante un attacco d’ansia?

Durante la crisi d’ansia

Il battito cardiaco diventa più veloce e più forte. Si può anche avvertire dolore al petto o mancanza di respiro.

Dopo l’episodio

Di solito, quando la crisi passa, la persona ritorna al suo precedente stato di calma. Nei casi in cui il fattore di stress continua e non si trova una soluzione al problema di fondo che ha portato alla crisi, l’ansia può continuare in forma moderata nella vita quotidiana.

È importante sapere che, sebbene l’attacco d’ansia di per sé non rappresenti un grave rischio per la salute fisica, il nostro corpo è saggio e ci avverte che qualcosa non va, qualcosa di negativo sta influenzando la nostra salute e dobbiamo prestarvi attenzione per risolverlo il prima possibile, poiché uno stato cronico di ansia può portare allo sviluppo di altre patologie sottostanti.

L’atteggiamento consigliato a questo punto è quello di agire, è il momento di prendere le redini, riflettere sul problema e stabilire misure preventive per il futuro.

Cosa posso fare per calmare l’ansia?

Il primo passo consiste nel rendersi conto che si sta attraversando un periodo di ansia, crisi o stress.

Una volta che l’avete accettato e identificato, queste sono le misure che potete attuare nelle diverse aree di azione:

Psicoterapia e consulenza: un professionista vi aiuterà innanzitutto con la terapia cognitivo-comportamentale, in cui lavorerete e analizzerete oggettivamente i pensieri che vi rendono ansiosi per evitare che continuino a danneggiarvi. Il secondo passo può essere la terapia di esposizione, in cui affronterete progressivamente queste situazioni attraverso una gerarchia di stimoli.

Integrazione: esistono diversi integratori di origine naturale che aiutano a mantenere l’equilibrio emotivo e ci sostengono nelle situazioni o nelle fasi con un maggior carico di ansia.

  1. GABA: è un aminoacido e neurotrasmettitore che induce la calma. Svolge un ruolo fondamentale nel controllo dell’iperattività delle cellule nervose associata a stress, paura e ansia. Il GABA si trova in alimenti come spinaci, salmone, broccoli, legumi, kefir, pomodori e altri. Poiché il GABA ha qualche difficoltà ad attraversare la barriera emato-encefalica, l’opzione più consigliata è quella di scegliere un integratore di GABA e L-teanina nella sua forma liposomiale, per garantire la migliore biodisponibilità e assorbimento.
  2. Ashwagandha: è un’erba adattogena dell’Ayurveda, la medicina tradizionale indiana, che si è dimostrata efficace nel ridurre lo stress. Agisce sull’asse ipotalamo-ipofisi-surrene e sul sistema neuroendocrino, con l’obiettivo di raggiungere l’omeostasi (equilibrio interno). È preferibile assumere la radice di Ashwagandha come integratore, indicando negli ingredienti il nome Withania Somnifera KSM-66.
  3. G7 Neurohealth: questo integratore naturale contribuisce alla normale funzione psicologica e al corretto funzionamento del sistema nervoso. Tra i suoi ingredienti, contiene biotina e silicio organico altamente assorbibile, che contribuisce ad aumentare l’energia e la prontezza mentale, favorisce la concentrazione e la memoria ed è in grado di contrastare gli effetti nocivi dell’alluminio, il principale induttore dello stress ossidativo nel cervello.
  4. Psicobiotici: alcuni ceppi probiotici come il Lactobacillus rhamnosus HN001, il Lactobacillus acidophilus LA1, il Lactobacillus rhamnosus SP1 e il Lactobacillus reuteri LR92 svolgono un’azione benefica sull’asse intestino-cervello.

Cambiamenti nello stile di vita

  • Ridurre e controllare le fonti di stress.
  • Imparare a identificare e fermare i pensieri negativi.
  • Svolgere regolarmente un’attività fisica moderata.
  • Pratica la meditazione, lo yoga, gli esercizi di respirazione e altre tecniche di rilassamento.
  • Dieta equilibrata.
  • Limitare o eliminare il più possibile il consumo di alcol, caffeina e tabacco.

5. Farmaci: i farmaci sono accompagnati da effetti collaterali che possono essere avversi e possono essere da nnosi per lo stato di salute a medio e lungo termine, quindi quando è necessario ricorrervi, devono sempre essere prescritti da un professionista della salute con una diagnosi preliminare.

    Cosa c’è dietro un attacco d’ansia? Trovare la radice del problema

    Sebbene gli attacchi d’ansia non siano pericolosi di per sé e non causino danni fisici, possono essere spaventosi e molto spiacevoli. Tuttavia, l’importanza dell’ansia va ben oltre. Le persone che soffrono di ansia cronica o di periodi di stress molto prolungati sono suscettibili di sviluppare numerose patologie come malattie infiammatorie, disturbi gastrointestinali, acne e altre patologie della pelle, sviluppo di tumori, problemi alla tiroide, problemi ormonali e altro.

    La probabilità di soffrire di queste malattie si moltiplica in modo esponenziale quando siamo esposti a stati d’ansia, quindi è molto importante aumentare la visibilità di questo problema di salute, che tende a rimanere nell’ombra perché non ha una componente fisica visibile a occhio nudo.

    Le persone che soffrono da tempo di un disturbo d’ansia spesso imparano a riconoscere questa sensazione di “terrore” e angoscia e diventano più consapevoli di come gestire i propri sintomi.

    Per controllare l’ansia, si consiglia di riflettere con calma e di concentrarsi sulla causa principale del problema. Una volta individuata la causa, bisogna agire su di essa ricorrendo a quegli strumenti che non hanno effetti collaterali indesiderati, come la psicoterapia, l’integrazione naturale e i cambiamenti nello stile di vita.

    Lascia un commento

    Non ci sono commenti

    ​ ​