5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

qué es el ph de la piel

Che cos’è il pH della pelle e come mantenerlo

15 minutos 97 views

La pelle è l’organo più esteso del corpo ed è composta da tre strati principali: l’epidermide, il derma e lo strato sottocutaneo. Se conoscete il pH della pelle, probabilmente sapete già che viene prodotto nell’ipoderma, uno strato che si trova tra i due strati più esterni.

La sua funzione è quella di aiutare la pelle a mantenere l’equilibrio per adempiere alla sua missione, che è quella di fornire una barriera protettiva contro le lesioni meccaniche, termiche e fisiche e le sostanze pericolose. Inoltre, previene la perdita di umidità, aiuta a regolare la temperatura, riduce gli effetti nocivi dei raggi UV, favorisce la generazione di vitamina D, aiuta il sistema immunitario a riconoscere le infezioni e funge da organo sensoriale.

La pelle non è solo un importante organo protettivo, ma ha anche una certa permeabilità e quindi trasmette i componenti nel flusso sanguigno, da qui l’importanza di scegliere prodotti naturali per la cura e la routine di bellezza, facendo sempre attenzione che si tratti di composizioni che ci aiutano a mantenere il pH.

Che cos’è il pH della pelle

Qual è il pH della pelle e qual è la sua funzione?

Ph è l’acronimo di potenziale idrogeno; questo parametro viene utilizzato per misurare il livello di acidità o alcalinità di una sostanza. Ogni parte del corpo ha un diverso livello ottimale di pH, con valori che vanno da 1 a 14, con 7 che è neutro; al di sotto di questo valore, è considerato acido e al di sopra di questo, basico (alcalino).

Il pH della pelle mantiene l’equilibrio ottimale di acidità e alcalinità di cui il nostro corpo ha bisogno. Il mantenimento dei giusti parametri garantisce una maggiore protezione dagli agenti esterni, come batteri o altre sostanze tossiche. Un’altra funzione del pH è quella di preservare i livelli di idratazione dell’organismo.

Valori del pH cutaneo

Il pH varia da zona a zona

L’intervallo di pH della pelle del viso e del corpo oscilla tra 4,7 e 5,75. Con un valore di circa 5, la pelle è leggermente acida ed è fondamentale che rimanga in questa fascia. Quando non lo è, la sua funzione complessiva ne risente, soprattutto a causa del ruolo del microbioma cutaneo, che preferisce un ambiente relativamente acido. Inoltre, va notato che la pelle delle pieghe inguinali, delle ascelle e della zona interdigitale ha un pH un po’ più alcalino, che la rende più vulnerabile alle aggressioni esterne.

Il pH varia in base al sesso

Va notato che il pH della pelle varia leggermente tra uomini e donne, con gli uomini che hanno una pelle più acida. Ciò potrebbe essere dovuto a una maggiore funzione immunitaria nelle donne e a differenze nella colonizzazione della pelle tra uomini e donne.

Il pH varia in base all’età

Il livello di pH della nostra pelle cambia con la maturità, un momento in cui la pelle diventa più sensibile. Lo notiamo dalla maggiore facilità con cui si irrita o subisce reazioni. Anche la pelle inizia a mostrare i segni di una maggiore alcalinità con l’età, soprattutto nelle donne in menopausa.

Il pH varia a seconda del tipo di pelle

Anche il tipo di pelle può influire sul pH, poiché la pelle grassa tende ad essere più acida (il sebo stesso è piuttosto acido). Così, scopriamo che il pH della pelle secca supera il valore di 5,5, mentre quello della pelle grassa si colloca tra 4 e 5,2.

Importanza di conoscere il pH della pelle

Cosa succede se il pH viene alterato?

Non è necessario misurare il pH per avere una pelle sana, e se lo facessimo scopriremmo che i suoi livelli variano. La mancanza di coerenza dei risultati sarebbe legata alle nostre abitudini (sonno, dieta e prodotti a contatto con la pelle influenzano questi valori).

Il pH della pelle può essere influenzato da ciò con cui viene a contatto, come l’aria, i prodotti per la cura della pelle o anche l’acqua. L’effetto di una sostanza con un pH diverso (acido o alcalino) influisce sulla pelle che, fortunatamente, ha un’impressionante capacità di recupero. Tuttavia, se queste fluttuazioni sono eccessive o si verificano troppo costantemente, possono sorgere dei problemi.

È quindi importante sapere che il pH ha un impatto importante sulla funzione di barriera della pelle, sulla ritenzione dell’umidità e sui suoi microrganismi. Ciò significa che se le abitudini o i cambiamenti causano un pH della pelle troppo alcalino, lo strato lipidico della pelle può essere compromesso, con conseguente aumento della secchezza o addirittura problemi di ipersensibilità o irritazione.

Mantenere il pH al livello ideale aiuta a mantenere la pelle più sana e libera da problemi che possono deteriorarne le condizioni. Ne sono un esempio quelli legati ai batteri che causano l’acne. Non si può parlare di pH della pelle senza parlare del mantello acido. Il mantello acido è la pellicola di acidità che protegge la pelle ed è in realtà la miscela di sebo naturale (olio) e sudore. Questa acidità è una parte vitale della funzione protettiva della pelle perché aiuta a inibire la crescita degli agenti patogeni. Il motivo è che i batteri tendono a prosperare in ambienti alcalini.

Come mantenere il pH equilibrato

Per farlo, è necessario saper riconoscere i segnali che indicano uno squilibrio del pH della pelle. Ci sono diversi segnali di allarme che indicano che ciò sta accadendo:

  • Condizioni infiammatorie della pelle. L’eczema è una delle condizioni della pelle che indicano uno squilibrio. Lo stesso vale per l’acne, come già detto, o per la rosacea. Queste condizioni hanno un fattore in comune: l’infiammazione. L’impatto del pH sul microbioma cutaneo può rendere la pelle più suscettibile alle infiammazioni. Ne conseguono dermatiti, allergie, forfora, ulcere, funghi, infezioni o invecchiamento accelerato della pelle.
  • Pelle secca e tesa. Quando il pH della pelle è troppo alcalino, si interrompe la capacità della pelle di trattenere l’acqua. La funzione di barriera della pelle è essenzialmente la sua capacità di trattenere l’umidità e quando questa è compromessa, l’acqua viene persa attraverso l’epidermide (lo strato superiore della pelle) ed evapora nell’aria.
  • Maggiore sensibilità. La pelle sensibile è causata da una funzione di barriera cutanea permanentemente compromessa, strettamente correlata al pH.

Come si può immaginare, molte condizioni e problemi cutanei comuni possono essere ricondotti o collegati al pH.

Come conoscere il pH della pelle aiuta a curarla e a mantenerla

Un pH acido è ottimale per il corretto ricambio cellulare, l’idratazione e la funzione di barriera cutanea, contribuendo a mantenere la pelle equilibrata, sana e luminosa. Quando non è così e si notano alcuni dei segni di cui sopra, è necessario cercare un modo per bilanciare il pH.

I rimedi naturali ripristinano l’equilibrio fornendo alla pelle i nutrienti e i minerali di cui ha bisogno. Si tratta di antiossidanti presenti nella frutta e nella verdura (soprattutto frutti di bosco e verdure a foglia verde scuro). Il loro effetto benefico può essere potenziato bevendo acqua per mantenere l’idratazione, con almeno otto bicchieri di acqua al giorno.

Altri modi per proteggere l’equilibrio che chi conosce il pH della pelle applica:

  • Evitate di usare acqua troppo calda quando fate la doccia, vi lavate il viso o le mani, per evitare di danneggiare i lipidi naturali.
  • Limitare la durata delle docce. Questo perché il pH dell’acqua è superiore a quello della pelle e può compromettere la funzione di barriera della pelle, soprattutto se il contatto è ripetuto e troppo prolungato.
  • Cercate di non utilizzare prodotti contenenti solfati. Forse una delle ragioni più comuni dell’alterazione del nostro microbioma e del pH è che i saponi aggressivi e i solfati hanno un pH molto alcalino.
  • Non esfoliate eccessivamente perché rischiate di danneggiare lo strato di sebo naturale della pelle, che è un elemento chiave del mantello acido.

Ora che avete ben chiaro cos’è il pH cutaneo, come varia e cosa lo influenza, potete fare delle scelte che vi aiuteranno a mantenerlo efficacemente in equilibrio. Ad esempio, nutrendo il microbioma per ottenere un pH costante e uniforme.

È possibile ottenere questo risultato anche utilizzando prodotti naturali specifici per la bellezza, l’igiene e la cura, come il silicio, che aumenta il livello di protezione della pelle, contribuendo a mantenerla sana e bella, con effetti benefici che si estendono anche a unghie e capelli. Per sperimentare i suoi benefici, potete includere nella vostra routine di bellezza e cura una crema alla Rosa Mosqueta, con la quale fornire una maggiore idratazione e luminosità alla pelle, e G7 Beauty, un integratore alimentare ideale per pelle, capelli e unghie.

rosa moschata silicium
Silicium Rose Musquée
G7 Beauty Silicium
G7 Beauty

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​