5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

ataque de gota por acido urico

Dieta nell’iperuricemia: come controllare i livelli di acido urico

17 minutos 15 views

La dieta nell’iperuricemia è fondamentale per prevenire il peggioramento dei livelli di acido urico nel sangue e per controllare gli attacchi di gotta.

Qui di seguito vengono illustrati gli aspetti principali di questo disturbo metabolico, per aiutarvi a comprenderlo meglio, e vengono esaminate le raccomandazioni dietetiche da tenere in considerazione. 

New Call-to-action

Che cos’è l’iperuricemia?

L’iperuricemia è un disturbo cronico del metabolismo delle purine, composti che fanno parte degli acidi nucleici.

Dalla scomposizione delle purine si forma come prodotto finale l’acido urico, che viene escreto nelle urine. Nell’iperuricemia, invece, si verifica un accumulo anormalmente elevato di acido urico nel sangue.

In particolare, l’iperuricemia è considerata presente quando i livelli di acido urico nel siero sono superiori a 7 mg/dl negli uomini e nelle donne in postmenopausa, a 6 mg/dl nelle donne in premenopausa e a 4 mg/dl nei bambini.

Sintomi dell’iperuricemia

L’iperuricemia può portare alla manifestazione di diverse condizioni patologiche, come i calcoli renali di urato, che è il sale dell’acido urico (acido urico legato al sodio) e la forma in cui precipita o cristallizza; oppure la più diffusa e nota gotta.

Molte persone affette da iperuricemia rimangono asintomatiche per tutta la vita, ma maggiore è il grado e la durata dell’iperuricemia, più è probabile che i sintomi comincino a manifestarsi.

Pertanto, in caso di uricemia elevata e uricosuria (aumento dell’escrezione di acido urico nelle urine), viene prescritto un trattamento anche in assenza di sintomi.

Lo stesso vale se esiste una storia familiare di iperuricemia o di insufficienza renale.

In ogni caso, il periodo asintomatico di questo disturbo termina quando si verifica il primo attacco di artrite gottosa o la formazione di calcoli renali di acido urico.

Attacco artritico di gotta

La forma più comune di iperuricemia è la gotta, i cui sintomi derivano dalla precipitazione dell’acido urico e dalla successiva formazione di cristalli di urato.

Questi cristalli si formano intorno alle articolazioni, alla cartilagine, ai tendini e ai legamenti, nonché nelle aree periferiche più fredde come le dita e le orecchie.

Tuttavia, l’area in cui si verifica più frequentemente questa precipitazione e cristallizzazione è la prima articolazione metatarso-falangea del piede, corrispondente al primo dito o alluce.

Quando compare la gotta, il sintomo più caratteristico è l’infiammazione localizzata dell’area interessata, che può essere accompagnata da febbre.

È importante notare che se gli attacchi artritici non vengono diagnosticati e trattati, si può sviluppare la gotta cronica.

In questo caso compaiono i tofi, depositi di cristalli di urato di sodio che distruggono i tessuti articolari e possono portare all’artrite cronica.

Da cosa può essere causata l’iperuricemia?

L’acido urico nel sangue può aumentare per una serie di cause diverse, che possono verificarsi singolarmente o insieme.

Due delle situazioni che spesso portano a un aumento delle concentrazioni di acido urico nel sangue sono:

  • Aumento della sintesi di acido urico

L’aumento della sintesi può essere dovuto a un problema genetico o a un aumento del metabolismo delle nucleoproteine dovuto a patologie ematologiche, come le leucemie.

Tuttavia, può anche essere associata a disturbi in cui si verifica una morte cellulare anormalmente elevata, come la psoriasi, o alle seguenti diete  

iperproteico e ipercalorico.

Esempi di diete ad alto contenuto proteico sono la dieta keto o chetogenica e, in misura minore, le diete paleo o low-carb.

  • Diminuzione della clearance dell’urato

Si considera che una persona abbia una ridotta escrezione renale di acido urico quando l’escrezione di acido urico è inferiore a 250-300 mg nelle 24 ore con una dieta priva di purine. 

Si tratta di una situazione che si verifica solitamente nei riceventi di trapianto di rene e nei pazienti con insufficienza renale o altre patologie renali.

Inoltre, l’ipertensione arteriosa è anche associata a una bassa escrezione di acido urico.

Altre cause di aumento dell’acido urico nel sangue

Oltre alle situazioni sopra descritte, esistono altri fattori che possono avere un ruolo o aumentare l’aumento dell’acido urico, indipendentemente dall’esistenza di un problema metabolico. Questi includono:

  • Obesità
  • Consumo di alcol
  • Lo stress
  • Esercizio fisico eccessivo o molto intenso
  • Elevato apporto di purine
  • Alcuni farmaci
  • Chemioterapia antineoplastica

Va notato che negli anziani spesso coesistono diversi fattori o cause di iperuricemia (insufficienza renale, uso di diuretici, ipertensione, ecc.).

Dieta per l’iperuricemia: cosa mangiare e cosa non mangiare?

Seguire una dieta appropriata è importante per ottenere un controllo ottimale dell’iperuricemia e per migliorare la qualità di vita della persona colpita.

Alcuni aspetti generali da tenere in considerazione nella dieta in caso di iperuricemia sono:

  • Una dieta a basso contenuto di purine aiuta a ridurre il livello di acido urico nel sangue. È quindi consigliabile evitare gli alimenti ricchi di purine.
  • L’escrezione di urati diminuisce con l’assunzione di grassi e aumenta con l’assunzione di carboidrati, quindi è auspicabile una dieta moderatamente ricca di carboidrati e povera di grassi e colesterolo.
  • Se sono presenti sovrappeso, ipertensione o iperlipidemia, la dieta deve includere misure appropriate per migliorare questi problemi associati.

Una menzione speciale va fatta alle diete ipocaloriche per raggiungere un peso sano in caso di sovrappeso e livelli elevati di acido urico.

Queste diete devono sempre essere prescritte da uno specialista. In altre parole, non dobbiamo applicare restrizioni dietetiche per conto nostro, perché ciò potrebbe peggiorare l’iperuricemia.

Ad esempio, un digiuno prolungato o uno stress metabolico (dovuto ad una carenza di carboidrati, ad esempio) possono favorire l’insorgenza di un attacco di gotta.

Contrariamente a quanto molti credono quando pensano a una dieta ipocalorica, è consigliabile consumare cinque pasti al giorno. Inoltre, questa dieta dovrebbe essere ricca di frutta, verdura e latticini a basso contenuto di grassi.

In questo modo, con la consulenza di un professionista, possiamo ottenere una riduzione del peso corporeo, dell’uricemia e della frequenza degli attacchi di gotta.

Cosa mangiare in caso di iperuricemia?

Poiché sono associati a un rischio minore, i seguenti alimenti sono consentiti e consigliati nella dieta per l’iperuricemia:

  • Latte scremato e prodotti lattiero-caseari
  • Uova
  • Frutta e verdura
  • Cereali e farinacei (pane, pasta, riso, farina d’avena….)
  • Acque alcaline o bicarbonate

Pertanto, in caso di crisi acuta o di attacco di gotta, è consigliabile privilegiare il consumo di alimenti che non contengono purine. Inoltre, una corretta idratazione è essenziale anche in una dieta per l’iperuricemia.

È necessario bere molti liquidi, tra i 2,5 e i 3 litri al giorno, per ridurre la precipitazione dei cristalli di acido urico e favorire la diuresi e l’eliminazione degli urati.

Tenete presente che è possibile mantenere una buona idratazione non solo bevendo acqua, ma anche succhi di frutta, zuppe, bibite e tisane.

Si consiglia inoltre di assumere piante medicinali depurative che aiutano a depurare l’organismo e contribuiscono a ridurre i livelli di acido urico.

Quali sono gli alimenti da evitare in una dieta per l’iperuricemia?

È importante seguire una dieta sana ed equilibrata che includa gli alimenti citati finora, ma è anche essenziale evitare gli alimenti sconsigliati o vietati.

Alcuni di quelli associati a un aumento del rischio di iperuricemia e di attacchi di gotta sono:

  • Carni rosse (manzo, maiale, agnello e selvaggina) e frattaglie.
  • Tacchino e oca.
  • Frutti di mare, soprattutto cozze.
  • Alcuni pesci, come sardine, acciughe, trote e uova di pesce.
  • Paté e formaggi ad alta fermentazione.
  • Alcune verdure specifiche: asparagi, bietole, cavolfiori e spinaci, oltre ai funghi.
  • Alcol, in particolare la birra (ricca di purine) e altre bevande gassate.

Pertanto, le raccomandazioni nutrizionali per le persone affette da iperuricemia di solito vietano o limitano il più possibile questi alimenti che favoriscono l’aumento dei livelli di acido urico nel sangue.

Tuttavia, dipenderà sempre dal grado di iperuricemia e da quanto i livelli di acido urico siano ben o mal controllati.

Oltre a questi, esistono altri alimenti che possono essere consumati, ma in misura limitata. Questi includono:

  • Carne e pesce (in generale), privilegiando il pesce bianco (sogliola, nasello, rombo…) e le carni magre (pollo, tacchino, coniglio…).
  • Salsicce, compreso qualsiasi tipo di prosciutto.
  • Alcuni legumi (fagioli bianchi, ceci, lenticchie, fave e piselli secchi).
  • Zuccheri a rapido assorbimento, come i prodotti da forno industriali, e fonti di fruttosio, come le bibite e i succhi di frutta zuccherati.

Dieta, iperuricemia e qualità di vita

In breve, l’alimentazione è un aspetto fondamentale nel controllo e nella gestione dell’iperuricemia, da cui dipende in larga misura la qualità della vita delle persone affette da questo disturbo metabolico.

Se soffrite di iperuricemia, consultate uno specialista che possa consigliarvi e aiutarvi a seguire una dieta adeguata al vostro caso specifico.

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​