5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

dieta para la gota, lo que necesitas saber

Dieta per la gotta: tutto quello che c’è da sapere

14 minutos 1085 views

Avete bisogno di sapere quali alimenti includere nella vostra dieta per la gotta? Probabilmente sapete già che uno degli aspetti più importanti per tenere a bada la gotta è seguire una dieta sana, facendo attenzione a tutto ciò che mangiamo. Per questo motivo, in questo articolo vi spiegheremo esattamente cos’è la gotta e vi aiuteremo a scoprire quali sono gli alimenti consentiti e quelli totalmente vietati.

Vi spiegheremo anche i sintomi di questo disturbo e alcuni rimedi casalinghi per prevenire un’epidemia. Prendete nota!

New Call-to-action

Che cos’è la gotta?

La gotta è una malattia reumatica, anche se più precisamente si può parlare di un tipo di artrite. Si verifica quando i livelli di acido urico nel sangue sono ben al di sopra della norma e il nostro organismo non è in grado di eliminarlo naturalmente attraverso i reni.

Questa sostanza si accumula sotto forma di cristalli nei tessuti e nelle articolazioni, soprattutto nei piedi e nei pollici. Tuttavia, secondo la Società Spagnola di Reumatologia (SER), la gotta può svilupparsi anche in altre zone, come caviglie, ginocchia e persino dita. I cristalli che si formano a causa dell’acido urico sono chiamati tofi e possono essere visibili a occhio nudo.

Sintomi e fattori di rischio della gotta

La gotta è una malattia che, a priori, può passare inosservata, in quanto il dolore o altri segnali d’allarme sono quasi impercettibili. Per questo motivo, un modo per essere avvertiti di questo problema è quello di effettuare le analisi del sangue di routine. Per saperne di più su questo disturbo, scopriamo alcuni dei suoi principali sintomi:

  • Dolore acuto e infiammazione delle articolazioni.
  • Pelle tesa che può apparire lucida.
  • L’articolazione colpita diventa rossa e calda.
  • Si nota una maggiore sensibilità al contatto con la pelle.
  • Occasionalmente può comparire febbre.
Symptomes-et-facteurs-de-risque-de-la-goutte

Di solito questi sintomi compaiono e durano tra i 3 e i 10 giorni, dopodiché tendono a scomparire, a volte anche senza trattamento. Tuttavia, la realtà è che con il tempo questi sintomi si fanno più frequenti e intensi, diventando cronici. Come abbiamo accennato all’inizio dell’articolo, la presenza di questa sostanza è direttamente legata all’alimentazione, ma la realtà è che esistono anche altri fattori di rischio, quali:

  • Genetica.
  • Cambiamenti ormonali.
  • L’assunzione di alcuni farmaci, come la vitamina niacina, la levodopa, i diuretici…
  • Essere obesi o in sovrappeso.
  • Gli uomini sono più propensi delle donne, infatti è più frequente negli uomini tra i 35 e i 50 anni.
  • Altre malattie, come l’insufficienza renale, il diabete, l’ipotiroidismo, l’ipertensione e il colesterolo, tra le altre.

Cosa devo mangiare se soffro di gotta?

Per cominciare, è importante sapere che la dieta per la gotta ha obiettivi molto chiari: avere un peso adeguato e seguire un’alimentazione sana; evitare alcuni alimenti considerati proibiti e includerne altri che servono a controllare gli attacchi di gotta. Pertanto, per evitare la comparsa dei sintomi, è consigliabile includere alcuni dei seguenti alimenti:

  • Frutti come fragole, mirtilli, ciliegie… E anche agrumi, come arance, pompelmi o limoni, perché il loro potere alcalinizzante aiuta a ridurre la quantità di acido urico. Senza dimenticare mele, uva e banane.
  • Latticini e derivati, ma sempre nella loro versione scremata.
  • Noci, come mandorle, nocciole e noci.
  • Sono consigliate solo alcune verdure, in particolare rape, sedano, cavolfiore, carote e patate.
  • Olio d’oliva.
  • Semi di lino e semi di chia.
  • Avena, riso, mais…

Cosa non mangiare per la gotta?

D’altra parte, nella dieta per la gotta ci sono anche alcuni alimenti che sono completamente vietati, così come altri il cui consumo dovrebbe essere limitato per mantenere i livelli di acido urico sotto controllo. Per questo motivo, è essenziale seguire le seguenti raccomandazioni per prevenire un attacco:

  • Le carni rosse, come il vitello, il manzo, l’agnello… e le frattaglie, perché, contenendo grandi dosi di purine, provocano un aumento dell’acido urico nel sangue.
  • Molluschi, come i gamberi; crostacei, come i granchi; e molluschi, come le vongole.
  • Il pesce grasso, come le sardine, il salmone o le acciughe, in quanto il loro contenuto di omega-3 aumenta i livelli di acido urico.
  • Bevande con caffeina e bevande alcoliche.
  • Bevande e alimenti con zuccheri aggiunti.

D’altra parte, esiste anche un elenco di alimenti il cui consumo dovrebbe essere limitato, ad esempio:

  • Verdure a foglia, come spinaci e bietole.
  • Funghi e funghi.
  • Asparagi.
  • Nasello, merluzzo, branzino…
  • Pollo, tacchino, anatra, pernice e coniglio.
  • Piselli, fagioli, fave, lenticchie…
  • Crusca di grano.
  • Tubi, arachidi, mais tostato…

Quale rimedio casalingo è utile per l’acido urico?

Quel-remede-maison-est-bon-pour-lacide-urique

Ora che conoscete l’importanza di seguire una dieta per la gotta, prestando particolare attenzione a tutto ciò che mangiamo ed escludendo completamente gli alimenti proibiti. Possiamo anche utilizzare alcuni di questi rimedi casalinghi:

  1. Buona idratazione. Per controllare gli attacchi di gotta è molto importante essere ben idratati per eliminare le tossine. Si può bere acqua da sola o attraverso infusi.
  2. Mirtilli rossi. Questi frutti aiutano a ridurre i livelli di acido urico nel sangue, basta prenderne una manciata al giorno o assumerli in capsule.
  3. Succo di carota e barbabietola con crescione e cetriolo. Questo frullato aiuta a ridurre l’acido urico e a migliorare il dolore causato dalla gotta.
  4. Il tè all’ortica ha un grande potere antinfiammatorio e migliora la circolazione, riducendo l’infiammazione della zona.
  5. L’infuso di equiseto, grazie alle sue proprietà diuretiche e antinfiammatorie, migliora i sintomi e contribuisce all’eliminazione dell’acido urico attraverso l’urina.
  6. Infuso di cipolla. Oltre ad aggiungerla alle vostre ricette, provate a bollirla e a bere l’infuso una volta raffreddato.

Come si è visto, la dieta per la gotta è essenziale per controllare la produzione di acido urico. Si può quindi affermare che seguire una dieta sana è essenziale per prevenire l’insorgenza di questo disturbo, ma a volte può non essere sufficiente. In quel caso, si può ricorrere anche a integratori naturali, come quelli con vitamina C o con potere diuretico per favorire l‘eliminazione delle tossine, come G7 Siliplant Biodinamizado, formulato con rosmarino, equiseto e silicio organico.

Nonostante tutto ciò, a seconda del grado della malattia, la dieta per la gotta da sola non sarà sufficiente e sarà necessario ricorrere ai farmaci prescritti dal medico, seguire buone abitudini alimentari, effettuare controlli di routine, assumere farmaci e integrare la dieta con integratori. In ogni caso, sia l’eliminazione di alcuni alimenti che l’attività fisica possono aiutare a tenere a bada i livelli di acido urico nel sangue.

New Call-to-action

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​