5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

adicciones a la comida

Dipendenze alimentari: linee guida per identificarle e come risolverle

11 minutos 277 views

Le dipendenze alimentari consistono nel bisogno di ricercare e mangiare compulsivamente determinati alimenti. La persona dipendente mangia grandi quantità in poco tempo, anche se non ha fame.

Si tratta di un disturbo psicologico che porta a una perdita di controllo sul consumo e a un rapporto di dipendenza patologico. Di seguito ne approfondiremo le cause, i sintomi e il trattamento adeguato per superare questo problema.

New Call-to-action

Cause del disturbo da alimentazione incontrollata

Il disturbo da alimentazione incontrollata può avere diverse cause e può essere provocato da una serie di fattori. Tuttavia, le persone in sovrappeso o obese hanno ancora più probabilità di soffrire di una dipendenza dal cibo.

In ogni caso, un fattore scatenante comune è un comportamento appreso in famiglia. Lo acquisiamo ripetendo assunzioni che troviamo piacevoli o usandolo come strategia per affrontare problemi personali. In questo caso ci riferiamo alla solitudine, alla tristezza o all’ansia.

Questi stati emotivi ci rendono psicologicamente più vulnerabili alle dipendenze alimentari, anche se possono essercene altri: disforia, depressione, mancanza di affetto o di affetti e persino senso di fallimento personale. Vi sono anche difficoltà nelle relazioni familiari, sociali e lavorative.

D’altra parte, se non tolleriamo bene alcuni stimoli fisici (come il dolore, la fatica o l’insonnia) e mentali (preoccupazioni, antipatie o responsabilità), aumenta la probabilità di sviluppare un disturbo da abbuffata.

I sintomi della dipendenza da cibo

  • Il desiderio di mangiare, senza che il nostro corpo ce lo chieda, è il primo segnale.
  • Un altro sintomo evidente è la perdita di controllo sul cibo o su alcuni alimenti, soprattutto quelli considerati fast food.
  • L’ossessione per il cibo è presente in ogni momento.
  • Ricorrere al cibo per alleviare le tensioni psicologiche o i sentimenti negativi.
  • Anche la negazione della gravità del problema è un sintomo comune nei tossicodipendenti.
  • Sentirsi in colpa proprio a causa di queste dipendenze alimentari, dopo aver sperimentato un’abbuffata.
  • A causa del senso di colpa, si ha il desiderio di mangiare in segreto o di nascosto dagli altri, in modo che non ci vedano.

Conseguenze negative del disturbo

  • Irritabilità e sbalzi d’umore, dovuti allo stato psicologico in cui ci troviamo.
  • Sentire un rifiuto del nostro fisico o della nostra immagine corporea.
  • Pressione alta o ipertensione dovuta al consumo frequente di cibi non salutari.
  • Aumento del rischio di diabete, poiché la maggior parte degli alimenti che mangiamo hanno un alto indice glicemico e fanno impennare la glicemia. 
  • Colesterolo alto, anche a causa della sovralimentazione e di un’alimentazione non corretta.
  • Problemi cardiovascolari, muscolari e persino la possibilità di gastroenterite.
  • Infine, i disturbi digestivi compaiono logicamente come risultato del mantenimento di un tasso di ingestione così elevato e non necessario. Le dipendenze alimentari influenzano in modo significativo il processo di digestione.

Superare la dipendenza dal cibo

Superare questo disturbo alimentare compulsivo è possibile. Prima di tutto, dobbiamo concentrarci sull’origine della dipendenza da cibo. L’ideale sarebbe farsi aiutare da uno psicologo per avviare il trattamento più adeguato. Questi ricorrerà a diverse terapie, a sessioni di rilassamento o mindfulness e a un supporto nutrizionale.

Si inizierà con una valutazione del paziente con terapia cognitivo-comportamentale. In questo modo si individueranno gli stimoli (emotivi o relazionali) che portano alla perdita di controllo sull’assunzione di cibo. L’operatore cercherà quindi di modificare i pensieri o i sentimenti automatici che portano alla sovralimentazione. La tecnica EMDR, che consiste nella desensibilizzazione e nella rielaborazione attraverso i movimenti oculari o altri stimoli, può essere utilizzata anche per trattare gli effetti di eventi traumatici passati alla fonte.

L’obiettivo dello specialista sarà quello di cercare e trovare alternative più adeguate per la persona dipendente. Come? Lavorando sul controllo delle emozioni e degli impulsi, sull’autostima, sull’inadeguatezza nell’affrontare i problemi, sull’immagine corporea e sulla gestione dell’ansia alimentare, tra gli altri aspetti.

Dovrebbero adottare abitudini sane, stabilendo schemi alimentari regolari e sviluppando anche le capacità di pianificare correttamente i pasti. A questo punto, può essere molto utile l’aiuto di un nutrizionista e/o di un endocrinologo che ci guidino nel processo di mantenimento di una dieta sana. 

Come aiuto complementare, si può anche scegliere di assumere un integratore naturale che aiuti a regolare le funzioni psicologiche. G7 Neuro Health, ad esempio, favorisce il corretto funzionamento del sistema nervoso grazie all’apporto di silicio organico e biotina.

In conclusione, se si seguono queste linee guida per il trattamento e l’integrazione, è possibile superare le dipendenze alimentari. Vorremmo sottolineare l’importanza del benessere generale, sia mentale che fisico, per evitare questo tipo di disturbi. Prevenire è sempre meglio che curare, prendetevi cura della vostra salute!

New Call-to-action

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​