5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

Eliminar toxinas con una buena alimentacion y ejercicio

Disbiosi intestinale: cos’è, come prevenirla e come curarla

20 minutos 373 views

L’intestino è un ecosistema complesso pieno di miliardi di batteri. Ma sapevate che uno squilibrio della flora intestinale può avere effetti negativi sull’intero organismo? Questo squilibrio è noto come disbiosi intestinale, un problema che va oltre i soliti problemi che ci vengono in mente quando pensiamo ai disturbi intestinali.  La buona notizia è che la possibilità di prevenire e affrontare questo problema esiste e risiede in ognuno di noi..

New Call-to-action

Che cos’è la disbiosi intestinale?

La disbiosi intestinale è uno squilibrio nella composizione del microbiota intestinale, ovvero l’insieme dei microrganismi che abitano l’intestino e che svolgono ruoli cruciali nella digestione, nell’assorbimento dei nutrienti, nella produzione di vitamine e nella protezione dagli agenti patogeni.

In una situazione di salute, esiste un equilibrio tra batteri benefici e potenzialmente dannosi. In una disbiosi, invece, questo equilibrio è alterato, con conseguente sovrabbondanza di batteri nocivi o riduzione della quantità di batteri benefici.

È importante notare che gli squilibri del microbiota possono avere un impatto che va oltre il tratto digestivo. Ad esempio, è stato osservato che la comunicazione bidirezionale tra l’intestino e il cervello, nota come asse intestino-cervello, può influenzare la salute mentale.

A questo proposito, diversi meccanismi potrebbero spiegare il legame tra disbiosi intestinale e depressione. Uno di questi coinvolge la produzione di neurotrasmettitori nell’intestino, come la serotonina, che svolge un ruolo chiave nella regolazione dell’umore. Inoltre, l’infiammazione cronica associata alla disbiosi può influenzare la funzione cerebrale e contribuire ai problemi di salute mentale.

Inoltre, la disbiosi intestinale può anche influire sulla permeabilità intestinale, nota come “leaky gut”. Ciò potrebbe consentire a molecole indesiderate di entrare nel flusso sanguigno e raggiungere il cervello, contribuendo potenzialmente all’infiammazione cerebrale e ai disturbi psicologici.

Quali sono i sintomi della disbiosi intestinale?

La disbiosi intestinale può manifestarsi attraverso una serie di sintomi. Tuttavia, è importante notare che, nelle fasi iniziali, la disbiosi può essere asintomatica.

Con il progredire della disbiosi, possono comparire i seguenti sintomi:

  • Dolore addominale e disturbi digestivi: i pazienti possono avvertire dolore addominale, crampi intestinali e disturbi digestivi, come gonfiore e senso di pesantezza dopo i pasti. Possono anche verificarsi bruciori di stomaco e una sensazione di bruciore al petto a causa del reflusso di acido dallo stomaco all’esofago.
  • Problemi gastrointestinali: la disbiosi può causare disturbi gastrointestinali, tra cui diarrea e/o stipsi cronica. In questo caso è necessario prestare attenzione ai modelli di feci, che possono cambiare, con feci poco formate e alterazioni della consistenza. Inoltre, possono verificarsi cambiamenti nelle abitudini intestinali, con alternanza di episodi di diarrea e costipazione.
  • Gas e flatulenza: gas, eruttazioni e flatulenze eccessive possono essere sintomi di disbiosi, perché lo squilibrio del microbiota può portare a una produzione anomala di gas.
  • Malessere generale e cefalea: i pazienti possono accusare malessere generale, stanchezza e affaticamento. Questi sintomi possono essere correlati all’effetto della disbiosi sull’assorbimento dei nutrienti.
  • Sintomi extra-intestinali: oltre ai sintomi gastrointestinali, alcuni pazienti possono manifestare sintomi non direttamente correlati all’apparato digerente, come mal di testa e allergie, nonché problemi cutanei come acne o eczema.
  • Intolleranze alimentari: la presenza di una flora squilibrata può rendere l’apparato digerente più sensibile a determinati alimenti, il che può portare a intolleranze alimentari.
  • Difficoltà a perdere peso: lo squilibrio del microbiota può influenzare il metabolismo e rendere difficile la perdita di peso.
  • Infezioni del tratto urinario e candidosi ricorrente: uno squilibrio del microbiota intestinale può anche portare a infezioni da lieviti.

È importante notare che questi sintomi non sono esclusivi della disbiosi intestinale e possono essere presenti in altre malattie. È quindi necessario rivolgersi a un medico per una diagnosi accurata.

Come viene diagnosticata la disbiosi intestinale?

La diagnosi di disbiosi intestinale si basa su una combinazione di sintomi clinici, esami di laboratorio e studi specialistici.

In primo luogo, il medico raccoglierà l’anamnesi del paziente, compresi i sintomi, le abitudini alimentari e i farmaci precedenti. Successivamente, verrà effettuato un esame fisico per valutare eventuali manifestazioni fisiche della disbiosi intestinale, come gonfiore o dolore.

Il medico ordinerà anche esami di laboratorio per valutare lo stato del microbiota intestinale. Questi esami possono includere esami delle feci per rilevare la presenza di batteri, funghi o parassiti patogeni, nonché per valutare la composizione e la diversità del microbiota intestinale. Possono essere ordinati anche esami del sangue per valutare i marcatori infiammatori e la funzionalità epatica, poiché la disbiosi intestinale può essere associata a infiammazione cronica e disfunzione epatica.

Inoltre, si possono eseguire test specializzati, come il test di permeabilità intestinale, che valuta l’integrità delle barriere intestinali. Infatti, un aumento della permeabilità intestinale può indicare la presenza di disbiosi intestinale. Può essere richiesto anche un test di intolleranza alimentare. Questo test aiuta a identificare gli alimenti specifici che possono essere un fattore scatenante della disbiosi.

Quali sono le cause della disbiosi intestinale?

Le cause della disbiosi intestinale sono diverse e possono essere legate a vari fattori che influenzano l’equilibrio del microbiota nell’intestino. Tra le cause più comuni vi sono:

  • Alimentazione scorretta: un’alimentazione ricca di zuccheri raffinati, cibi elaborati e povera di fibre può favorire la crescita di batteri nocivi nell’intestino, alterando l’equilibrio del microbiota.
  • Uso di antibiotici: gli antibiotici, soprattutto se usati cronicamente o inutilmente, possono uccidere non solo i batteri nocivi, ma anche i batteri benefici dell’intestino, il che può portare a squilibri. Infatti, una delle principali cause di disbiosi è l’uso eccessivo di antibiotici.
  • Stress: lo stress cronico può influire sulla funzione intestinale e alterare la composizione del microbiota. Infatti, lo stress prolungato può influire negativamente sul sistema immunitario e sulla funzione intestinale. Questo può favorire la crescita di batteri nocivi e sopprimere quelli benefici.
  • Malattie infiammatorie: i problemi di salute che colpiscono l’apparato digerente, come le malattie infiammatorie intestinali, la sindrome dell’intestino irritabile e la celiachia, possono alterare l’equilibrio del microbiota.
  • Infezioni: le infezioni intestinali acute possono alterare temporaneamente la composizione del microbiota e, in alcuni casi, questa alterazione può persistere dopo l’infezione.
  • Consumo eccessivo di alcol: un consumo eccessivo di alcol può danneggiare il rivestimento dell’intestino e favorire la crescita di batteri indesiderati.
  • Stile di vita non sano: anche fattori come la mancanza di esercizio fisico, il fumo e la mancanza di sonno possono contribuire alla disbiosi.
  • Invecchiamento: con l’avanzare dell’età può verificarsi una diminuzione della diversità e dell’abbondanza di batteri benefici nell’intestino.
  • Malattie croniche: alcune malattie croniche, come il diabete, l’obesità e le malattie metaboliche, sono state associate a cambiamenti del microbiota intestinale.
  • Fattori ambientali: anche l’esposizione a inquinanti ambientali e a sostanze chimiche può influenzare la salute del microbiota intestinale.

Va notato che la disbiosi intestinale può essere causata da una combinazione di fattori e che ogni individuo può rispondere in modo diverso. Tuttavia, proprio questa circostanza rende più facile prevenire questo problema di salute. Lo analizziamo di seguito. 

Come prevenire la disbiosi intestinale?

Esistono diverse misure per prevenire la disbiosi intestinale. Una delle più importanti è mantenere una dieta equilibrata e ricca di fibre. Il motivo principale è che le fibre aiutano a nutrire i batteri benefici del nostro intestino, promuovendo un ambiente sano. A tal fine, è importante assicurarsi di includere nella dieta quotidiana alimenti come frutta, verdura, cereali integrali e legumi.

Inoltre, è essenziale evitare il consumo eccessivo di alimenti trasformati ricchi di zuccheri raffinati. Questi possono alimentare i batteri nocivi e contribuire allo squilibrio del microbiota.

Un altro modo per prevenire la disbiosi intestinale è evitare l’uso indiscriminato di antibiotici. Gli antibiotici possono essere necessari in alcuni casi, ma un uso eccessivo può anche uccidere i batteri benefici e causare disbiosi. È quindi importante usare questi farmaci solo quando sono veramente necessari e sotto controllo medico.

Inoltre, è consigliabile consumare alimenti fermentati, come yogurt, kefir o crauti. Questi alimenti contengono batteri benefici che possono contribuire a rafforzare la salute dell’intestino.

È inoltre importante ridurre lo stress e condurre uno stile di vita sano in generale. Lo stress cronico può influire negativamente sul microbiota intestinale. È quindi importante trovare il modo di gestire e ridurre lo stress, ad esempio praticando tecniche di rilassamento, facendo esercizio fisico regolare e dormendo a sufficienza.  Alcune ricerche dimostrano che lo yoga e la meditazione possono aiutare l’organismo ad assorbire i nutrienti. Possono anche aumentare il flusso sanguigno verso il cervello e l’intestino. Questo, oltre a prevenirla, può ridurre alcuni dei sintomi della disbiosi.

Trattamento della disbiosi intestinale

Il trattamento della disbiosi intestinale prevede generalmente un approccio in due fasi: l’eliminazione dei batteri patogeni e il ripopolamento del microbiota con l’uso di probiotici.

Eliminare i batteri patogeni

 Nella fase iniziale del trattamento della disbiosi intestinale, l’obiettivo è ridurre o eliminare i batteri patogeni o nocivi che causano lo squilibrio del microbiota intestinale.

Questo obiettivo può essere raggiunto attraverso diversi approcci:

  • Cambiamenti nella dieta: si tratta di eliminare o ridurre il consumo di alimenti che possono alimentare i batteri patogeni, come gli zuccheri raffinati e i carboidrati semplici.
  • Uso di antibiotici specifici: nei casi più gravi, possono essere prescritti antibiotici specifici per uccidere i batteri nocivi. Tuttavia, questo deve essere fatto con cautela per non influenzare negativamente i batteri benefici.

Ripristino con i probiotici

Una volta ridotta la presenza di batteri patogeni, il microbiota intestinale viene ripopolato con batteri benefici. A questo scopo si utilizzano i probiotici. I probiotici sono microrganismi vivi che hanno un impatto positivo sulla salute dell’intestino.

In questa fase è necessario considerare quanto segue:

  • Selezione di probiotici appropriati: è importante scegliere probiotici che contengano ceppi specifici di batteri benefici che hanno dimostrato di avere effetti positivi sulla salute dell’intestino.
  • Dosaggio e durata del trattamento: il dosaggio e la durata del trattamento probiotico possono variare a seconda della situazione individuale. Si consiglia pertanto di seguire le indicazioni del medico.

Stile di vita e salute intestinale

La salute dell’intestino va oltre la dieta: è il riflesso di uno stile di vita equilibrato. A tal fine, è molto utile stabilire abitudini alimentari sane e introdurre abitudini che ci aiutino a gestire lo stress.  Inoltre, mantenere relazioni sociali sane e circondarsi di un ambiente naturale contribuiscono al nostro benessere generale.

New Call-to-action

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​