5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

dispepsia funcional

Dispepsia funzionale: cause, sintomi e trattamento integrativo

18 minutos 525 views

Mal di stomaco, gonfiore, bruciore, crampi… Vi suonano familiari? Vi riconoscete in questi sintomi? La dispepsia funzionale è un disturbo digestivo comune che provoca dolore o fastidio ricorrente nella parte superiore dell’addome. Sebbene la causa esatta sia sconosciuta, spesso è legata ad anomalie nel funzionamento dell’apparato digerente.

Poiché la dispepsia è uno dei motivi più frequenti di consultazione, in questo articolo spiegheremo esattamente cos’è e parleremo delle sue cause più comuni e dei fattori di rischio che predispongono a soffrirne. Parleremo dei sintomi da tenere d’occhio per identificarla e di come trattarla, ponendo l’accento sulla dieta come strumento principale per porre fine alla dispepsia funzionale.

New Call-to-action

Che cos’è la dispepsia funzionale?

Comunemente definita “cattiva digestione”, la dispepsia funzionale comprende vari sintomi come dolore addominale, sensazione di pienezza poco dopo aver mangiato, pesantezza o fastidio, dolore epigastrico nella parte superiore del ventre, tra gli altri.

La dispepsia colpisce circa ⅓ della popolazione e i suoi sintomi possono essere cronici e compromettere significativamente la qualità della vita di una persona.

La diagnosi di dispepsia funzionale si basa sulla presenza di sintomi e sull’esclusione di altre condizioni mediche sottostanti. Le opzioni di trattamento della dispepsia funzionale possono includere modifiche dello stile di vita, come evitare i cibi scatenanti e gestire lo stress.

Quale malattia causa la dispepsia?

Sono molti i fattori che possono causare indigestione o dispepsia funzionale:

  1. Mangiare determinati alimenti: ad esempio, cibi molto piccanti e grassi, oppure alimenti molto acidi o ricchi di fibre.
  2. Cenare troppo tardi.
  3. Bere alcolici.
  4. Troppa caffeina.
  5. Alcuni farmaci.
  6. Fumo.
  7. Non si dorme abbastanza.

Esistono anche alcune patologie e problemi gastrointestinali che possono causare dispepsia:

  1. Sindrome dell’intestino irritabile (IBS).
  2. Reflusso, reflusso gastro-esofageo (GOR) o malattia da reflusso gastro-esofageo (GORD).
  3. Infezione batterica da Helicobacter pylori.
  4. Ulcera.
  5. Gastroparesi.
  6. Cancro allo stomaco.
  7. Gastrite.

Sintomi della dispepsia funzionale

  • Dolore allo stomaco.
  • Disturbi o dolori al petto.
  • Bruciatura.
  • Gonfiore.
  • Rutto.
  • Sensazione di pienezza.
  • Gas.
  • Reflusso acido.
  • Acidità.
  • Nausea e/o vomito.

Come eliminare la dispepsia funzionale?

  • Alimentazione sana e personalizzata per il trattamento della dispepsia.
  • Eradicazione dell’Helicobacter pylori
  • Farmaci (antiacidi, protettori dello stomaco, con tutti gli effetti collaterali che ne conseguono). Importante: i farmaci non curano o trattano la dispepsia, ma si limitano a “coprire” o a migliorare temporaneamente i sintomi.

Dispepsia funzionale e dieta

Un approccio dietetico è essenziale per il trattamento della dispepsia funzionale. È consigliabile seguire queste linee guida generali:

  • Evitare pasti abbondanti.
  • Non mangiare o bere 2-3 ore prima di andare a letto.
  • Ridurre o evitare gli alimenti ricchi di grassi.
  • Evitare cibi e bevande troppo caldi o troppo freddi.
  • Evitare di bere grandi quantità di liquidi durante i pasti e bere lentamente durante la giornata.
  • Mangiate lentamente e masticate bene il cibo.
  • Non indossare indumenti stretti o cinture.
  • Se si soffre di reflusso notturno, è consigliabile alzare leggermente la testa del letto.
  • Non fare esercizio fisico subito dopo aver mangiato.
  • In caso di sovrappeso o obesità, è consigliabile ridurre gradualmente il peso e la circonferenza vita attraverso una dieta equilibrata, associata a un regolare esercizio fisico.

Quali alimenti devo mangiare e quali no?

 CONSENTITONON CONSENTITO
Carboidrati– Pane a lievitazione naturale (non di grano). – Cereali per la colazione come: cornflakes biologici, porridge di avena o riso senza glutine, crusca. – Riso bianco, riso basmati o jasmine, pasta e tagliatelle (non di grano, senza glutine), patate dolci e patate, polenta, quinoa, grano saraceno e riso integrale.Farina di frumento.Lievito chimico.Prodotti industriali.Tostatura confezionata.
VerdureVerdure cotte per poco tempoVerdure crude.Pomodoro e prodotti a base di pomodoro, rape, cavoli, cavolfiori, germogli di fagioli, cavolini di Bruxelles, asparagi, broccoli, cipolle, cipolline, aglio, peperoncino, curry, pepe e menta.Verdure con salse grasse, panna, formaggio, pancetta o lardo.Verdure sottaceto o fermentate come kimchi o crauti e altre preparate in olio o in salamoia.
FruttaFrutta cottaNoci, semi, creme spalmabiliAgrumi e succhi di agrumi UvaManigliaCiliegieAnguria
Latte e prodotti lattiero-caseariLatte scremato senza lattosio (pecora o capra)Yogurt senza lattosio (di pecora o di capra)Formaggio (pecora o capra)Alternative a base vegetale come il latte di mandorla, di avena e di riso   Se questi alimenti causano dolore o sintomi fastidiosi, è meglio eliminarli completamente.– Latte di cocco – Latte intero e latticini normali – Panna montata, frullati…
Carne e alternativeVitelloPollame.Uova.   Preferibilmente di erba o biologica.Carni grasseSalumi affumicati o stagionatiStufatiRagùPelle di polloCarne lavorataOrgani: reni, cervello e fegato
Snack, condimenti, bevande e dolciumiAcqua (1,5-2 litri al giorno), comprese tisane, caffè d’orzo leggero, camomilla, succhi di frutta e verdura freschi, acqua di cocco.Sale, erbe aromatiche (come origano, salvia, timo, foglie di basilico, rosmarino, coriandolo, ecc.), zenzero.Oli (olio extravergine di oliva, olio di avocado), usati con parsimonia.– Alcol, bevande gassate, bibite, caffè, tè nero, succhi di agrumi. – Cioccolato, gomme da masticare, dolci in generale, alimenti dolcificati con zucchero come sorbitolo, mannitolo, xilitolo. – Alimenti grassi come: cibi fritti, latte o crema di cocco, salse, margarina, burro, strutto, dessert.

In che proporzione?

  • ½ piatto di verdure.
  • 1 porzione di frutta separata dai pasti (metà mattina o pomeriggio).
  • ¼ di piatto di cereali integrali.
  • ¼ di piastra di proteine.

Grassi sani:

  • 1 porzione di noci, semi o crema spalmabile al 100% di noci per colazione o come spuntino.
  • Utilizzate 3-4 cucchiai di oli buoni al giorno.

Cosa non può mangiare una persona con dispepsia?

Molti studi hanno riportato che i sintomi della dispepsia sono esacerbati dall’ingestione di alcuni alimenti, quali:

  1. Cipolle.
  2. Peperoni.
  3. Cibi fritti e grassi.
  4. Alcool.
  5. Agrumi.
  6. Grano.
  7. Glutine.
  8. Cibi piccanti.
  9. Prodotti chimici alimentari (alimenti precotti contenenti conservanti).

Cosa mangiare a colazione in caso di dispepsia?

Ci sono diverse opzioni per la colazione che si possono combinare o alternare durante la settimana:

  1. Uova sode o strapazzate.
  2. Torte d’avena fatte in casa (senza zucchero).
  3. Pane di grano saraceno con olio e sale marino non raffinato.
  4. Granola senza glutine.
  5. Porridge con bevanda vegetale, frutti di bosco e crema di noci.
  6. Yogurt vegetale o di capra con crema di noci.

Stomaco in subbuglio, è ora di porvi fine.

La dispepsia funzionale, nota anche come indigestione, è utilizzata per descrivere un insieme di sintomi che interessano il tratto digestivo, come dolore allo stomaco, nausea, gonfiore o eruttazione.

Quando non c’è una causa evidente per questi sintomi, la diagnosi è dispepsia. Il trattamento comprende una combinazione di vari cambiamenti di abitudini, dieta, stile di vita, gestione dello stress e farmaci, se necessario a breve termine; la dieta è lo strumento terapeutico più efficace.

Esistono integratori che possono contribuire al trattamento e rendere più efficaci le linee guida nutrizionali. Silicium G7 Original è un ottimo alleato per l’eliminazione delle tossine. Un corpo intossicato spesso presenta sintomi digestivi di dispepsia funzionale, quindi può essere utile assumere un integratore di silicio dinamizzato in caso di dispepsia e cattiva digestione.

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​