5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

trastorno de conducta adultos

Disturbo della condotta negli adulti

15 minutos 96 views

Il disturbo della condotta negli adulti è un insieme di problemi comportamentali ed emotivi che di solito si manifestano per la prima volta durante l’infanzia o l’adolescenza.

Gli adulti con disturbo della condotta spesso mostrano un comportamento distruttivo, aggressivo e/o ingannevole (comportamento antisociale) che tende a violare i diritti degli altri.

In questo articolo parliamo di quali sono i disturbi comportamentali più comuni negli adulti e di quando solitamente esordiscono. Analizzeremo i sintomi e le cause di questi disturbi e come diagnosticarli per applicare il trattamento corretto per questa patologia mentale.

New Call-to-action

Quali sono i tipi di disturbo della condotta?

I tipi di disturbo della condotta sono classificati in base alla data di esordio dei sintomi:

Cosa sono i disturbi della condotta negli adulti?

  • Insorgenza nell’infanzia: prima dei 10 anni di età.
  • A partire dall’adolescenza.
  • Insorgenza sconosciuta: non è noto a quale età si siano manifestati i primi segni del disturbo della condotta.

I disturbi comportamentali più comuni negli adulti comprendono:

  • Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è un disturbo comune negli adulti caratterizzato da difficoltà a mantenere l’attenzione, iperattività ed eccessiva impulsività. L’ADHD può avere un impatto negativo sulla qualità della vita di chi ne soffre, incidere sul rendimento lavorativo e danneggiare l’autostima e le relazioni sociali.
  • Il disturbo borderline di personalità (BPD) è un disturbo mentale che influisce sul modo in cui le persone pensano e sentono se stesse e gli altri. Spesso causa alcuni svantaggi e problemi nella vita quotidiana, in quanto comporta difficoltà nella gestione delle emozioni, del comportamento e delle relazioni, oltre a un problema di immagine di sé.
  • Disturbo d’ansia generalizzato (GAD): caratterizzato da una preoccupazione eccessiva, incontrollabile e costante per diversi ambiti della vita (lavoro, salute, famiglia, finanze, ecc.). Le persone che soffrono di GAD tendono a preoccuparsi in modo eccessivo e sproporzionato e hanno difficoltà a controllare questo livello di preoccupazione, che li mantiene in una costante sensazione di tensione nella loro vita quotidiana.
  • Depressione: può colpire adulti di tutte le età. Lo stato depressivo è caratterizzato da sentimenti di tristezza, perdita di interesse o di piacere in attività precedentemente piacevoli. Sono comuni anche problemi di sonno, cambiamenti nell’appetito, difficoltà di concentrazione e mancanza di energia.
  • Disturbo bipolare: gli adulti affetti da questo disturbo comportamentale presentano sbalzi d’umore molto marcati, da momenti di euforia o mania a episodi di depressione. Gli sbalzi d’umore estremi e imprevedibili possono influenzare notevolmente la capacità di una persona di funzionare nella vita quotidiana.

Quando inizia un disturbo della condotta?

Disturbo della condotta nell'adulto

I disturbi della condotta di solito mostrano i primi segni durante l’infanzia o l’adolescenza e possono continuare in età adulta o comparire per la prima volta in età adulta.

Sintomi del disturbo della condotta negli adulti

I sintomi del disturbo della condotta negli adulti possono variare notevolmente a seconda del disturbo della condotta in questione. Tuttavia, spesso includono

  • Difficoltà a gestire le emozioni.
  • Impulsività.
  • Difficoltà a mantenere relazioni personali stabili.
  • Ansia.
  • Estrema preoccupazione.
  • Sbalzi d’umore.
  • Difficoltà di concentrazione.
  • Comportamento aggressivo.
  • Comportamento ingannevole.
  • Comportamento distruttivo.
  • Violazione delle regole stabilite.

Quali sono le cause dei disturbi della condotta negli adulti?

Le cause dei disturbi della condotta negli adulti possono essere varie e di solito sono il risultato di una combinazione di diversi fattori. Possono essere fattori genetici, fattori ambientali – come lo stress o vari traumi – e fattori biologici, come gli squilibri chimici nel cervello.

Altre possibili cause sono le esperienze infantili.

  • Fattori genetici: i danni al lobo frontale del cervello in una persona con disturbo della condotta possono non funzionare correttamente e portare, tra l’altro, a difficoltà nel controllare gli impulsi, a una ridotta capacità di pianificare o di imparare dalle esperienze passate.
  • Fattori ambientali: i più comuni sono gli abusi sui minori, la crescita in una famiglia disfunzionale, la presenza di genitori dipendenti da sostanze come droghe o alcol, o situazioni di povertà.

Come viene diagnosticato un disturbo della condotta?

Disturbo della condotta nell'adulto

È meglio cercare di identificare il disturbo della condotta durante l’infanzia se se ne osservano i sintomi. In questo modo, il disturbo può essere valutato da un professionista della salute mentale e può essere trattato.

Lo psicologo o lo psichiatra porrà delle domande alla persona che soffre del disturbo e alle persone più vicine nel suo ambiente o nella sua famiglia nucleare per identificare alcuni modelli di comportamento. Per poter formulare una diagnosi di conferma, la persona deve presentare almeno tre comportamenti comuni ai disturbi della condotta e almeno uno di questi comportamenti deve essersi verificato in modo continuativo negli ultimi 6 mesi.

Disturbo della condotta negli adulti: il trattamento più consigliato

Il trattamento del disturbo della condotta negli adulti varia a seconda del disturbo specifico e della gravità dei sintomi. 

In generale, i trattamenti per il disturbo della condotta possono includere: la terapia cognitivo-comportamentale, la terapia familiare, la terapia di gruppo o la terapia farmacologica come aggiunta, poiché quest’ultima non è considerata particolarmente efficace.

Esistono anche alcuni integratori che possono aiutare nel trattamento dei disturbi comportamentali negli adulti, come Original Silicium G7 1L Dynamised, grazie al suo ruolo neuroprotettivo, il silicio è in grado di ridurre i livelli di alluminio nel cervello. Altri integratori interessanti sono gli aminoacidi L-glutammina e L-triptofano, la vitamina B12, la D, gli acidi grassi omega-3, i probiotici e il magnesio.

È importante che le persone che soffrono di questi disturbi si rivolgano a un professionista per ottenere una diagnosi e un trattamento adeguati.

Disturbi della condotta: uno dei principali problemi di salute mentale negli adulti


Disturbo della condotta nell'adulto

Come conseguenza del continuo stress mentale, molto comune al giorno d’oggi, sempre più persone soffrono di vari disturbi comportamentali come l’ansia generalizzata, il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), il disturbo ossessivo compulsivo (DOC) o la depressione.

È altamente raccomandabile ricevere la consulenza di esperti che discutano e analizzino il caso della persona colpita per aiutarla a risolverlo, ricorrendo alla terapia migliore in ogni caso. In questo modo, la persona che soffre di un disturbo comportamentale sarà in grado di comprendere i propri problemi e il percorso da seguire per risolverli. Le sedute con questi professionisti daranno sollievo mentale al paziente, e anche le pratiche preventive sono molto importanti per mantenere la mente in pace e sotto controllo, come lo yoga, la meditazione, il lavoro di mindfulness, così come la pratica sportiva per aiutare la persona a raggiungere uno stato mentale più calmo e tranquillo.

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​