5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

es bueno andar con menisco interno roto

È bene camminare con un menisco interno lacerato? Chiarite i vostri dubbi!

11 minutos 87 views

Se avete recentemente subito un infortunio al ginocchio, vi starete chiedendo se sia una buona idea andare in giro con un menisco interno lacerato. Ecco perché, in questo articolo, vogliamo aiutarvi a prendervi cura della vostra articolazione fino a quando non sarà necessario un intervento chirurgico o non sarà programmato dal vostro chirurgo.

Inoltre, ecco alcuni consigli su come camminare senza preoccuparsi della lesione, nonché sulle attività che si possono o non si possono fare con una lacerazione del menisco interno. Continuate a leggere!

È bene camminare con un menisco lacerato?

Alla domanda se è bene camminare con un menisco lacerato, gli specialisti rispondono che è bene fare brevi passeggiate, in quanto consentono di rafforzare i muscoli, favorendo il recupero post-operatorio. Tuttavia, è importante tenere presente i seguenti aspetti:

  • Nei giorni immediatamente successivi all’infortunio è probabile che si verifichi un gonfiore nella zona e in questo periodo si consiglia di riposare.
  • Se dovete muovervi per i primi giorni, dovete usare le stampelle per evitare di sovraccaricare la zona e peggiorare la lesione.
  • Una volta che il gonfiore è diminuito, si può iniziare con brevi passeggiate di massimo 30 minuti, utilizzando una ginocchiera.
  • Si consiglia anche di camminare dopo l’intervento, ma di evitare di farlo quando il dolore è forte.

Il movimento accelera il recupero del menisco, per questo è sempre consigliabile camminare dopo l’intervento se non c’è dolore acuto. Il motivo? Grazie a brevi passeggiate, i muscoli della zona hanno acquisito forza, permettendo alla cartilagine di recuperare e di perdere la rigidità della cartilagine e dei muscoli.

Cosa non si deve fare in caso di menisco lacerato?

Prima di sapere quali attività non fare, è importante conoscere le ragioni di una lesione del menisco lacerato nei giovani, poiché di solito è causata da una brusca virata nello sport o da un movimento sbagliato. Il dolore di solito inizia all’interno, ma con il passare dei giorni è normale che si estenda alla parte esterna del ginocchio e che si infiammi.

In caso di lacerazione del menisco interno, è necessario sospendere qualsiasi esercizio che provochi dolore o sintomi quali blocco, scatto e instabilità. Inoltre, per i primi giorni è consigliabile applicare il freddo, tenere la gamba sollevata e talvolta applicare un bendaggio. In questo modo è possibile prevenire l’accumulo di liquido sinoviale. Tuttavia, è anche da evitare a tutti i costi:

  • Cambi repentini di direzione o di velocità di marcia.
  • Salto.
  • Squat.
  • Ripetute ginocchiate.
  • Allungo o falcata.
  • Sport di contatto.
  • Ruotare il corpo con il piede fisso.
  • Flessioni forzate.

Così come è molto comune chiedersi se è bene camminare con un menisco interno lacerato, i pazienti si interrogano anche su altri aspetti, come la possibilità di salire e scendere le scale. In questo caso, la cosa più importante è ascoltare il proprio corpo: se non c’è dolore, non è vietato, ma bisogna fare attenzione alla flessione e alla rotazione.

Se avete già subito un intervento chirurgico, dipende dal tipo di intervento: se il menisco è stato riparato, non potrete salire e scendere le scale per tre mesi. Tuttavia, se si tratta di una meniscectomia, sarà possibile farlo senza problemi, anche se con una certa cautela.

Quali attività posso svolgere con un menisco interno lacerato?

Come abbiamo spiegato nel corso dell’articolo, la cosa più importante è evitare qualsiasi segno di dolore, cioè quando compare, bisogna interrompere ogni attività. Tuttavia, se il dolore dei primi giorni è già scomparso e si vuole evitare la perdita di massa muscolare, ci sono alcune attività che possono essere svolte senza timore di peggiorare l’infortunio, come ad esempio:

  • Pedalare, tenendo conto di una serie di raccomandazioni, come assicurarsi che la bicicletta sia della propria taglia, fare attenzione alla flessione e all’estensione, nonché controllare la posizione della sella.
  • Camminate velocemente, ma indossate sempre le scarpe giuste e fate attenzione a non fare curve brusche con il ginocchio.
  • Corsa. Inoltre, bisogna indossare scarpe adatte, senza cambiare bruscamente ritmo, il terreno deve essere pianeggiante e morbido, evitando le discese.
  • Acquagym o nuoto (ma evitare il nuoto a rana).
  • Yoga, ma attenzione a certe posizioni.

Come rafforzare il ginocchio con un menisco interno lacerato?

Per rafforzare il ginocchio con menisco interno lacerato, è possibile eseguire una serie di esercizi che illustreremo di seguito. Tuttavia, si consiglia di consultare un fisioterapista o un osteopata per valutare il caso specifico e suggerire il trattamento più appropriato. Gli esercizi più consigliati dagli specialisti sono i seguenti:

  1. Estensione del ginocchio. Sdraiarsi sul pavimento e appoggiare il tallone della gamba lesa su un asciugamano arrotolato in modo che sia alto circa 15 cm. Mantenete la posizione per circa due minuti. Ripetere 2 o 3 volte.
  2. Piegare il ginocchio. Cercate di portare i talloni verso i glutei. Potete ripetere tutte le volte che volete, purché non vi faccia male. L’ideale è iniziare con delicatezza.
  3. Stiramento dei polpacci. È un esercizio molto efficace. Bisogna essere rivolti verso la parete e posizionare le mani all’altezza degli occhi. Stendete una gamba dietro di voi, lasciando il piede piatto sul pavimento, mentre l’altra gamba rimane piegata. Mantenete la posizione per 15-30 secondi.
  4. Con una palla da pilates, fate degli squat.
  5. Sdraiati sul pavimento, eseguire sollevamenti delle gambe.

Si tratta di esercizi molto semplici che saranno di grande aiuto per il recupero. Ma ricordate che, in caso di dolore, la cosa migliore da fare è fermarsi e interrompere qualsiasi esercizio o attività che state svolgendo. Si può anche applicare Orgono Sport Gel, un gel rigenerante per le articolazioni degli sportivi a base di silicio organico. Alcuni dei suoi molteplici benefici sono i seguenti: rilassa il sovraccarico di tendini e articolazioni; migliora la forza, l’elasticità e la resistenza; favorisce la produzione di collagene in modo naturale.

New Call-to-action

In breve, la cosa migliore da fare dopo aver subito questo infortunio al ginocchio è riposare finché il gonfiore non diminuisce. Per ridurre il gonfiore, si può applicare del freddo secco sulla zona, elevare la gamba e applicare un bendaggio. Tuttavia, quando il gonfiore diminuisce, gli specialisti affermano che è bene camminare con un menisco interno lacerato, poiché aiuta a mantenere i muscoli forti e sani. Ma non dimenticate che queste passeggiate non devono superare i 30 minuti e devono essere fatte con una ginocchiera.

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​