5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

flora intestinal dañada

Flora intestinale danneggiata: sintomi, prevenzione e recupero

12 minutos 491 views

Sapete cos’è la flora intestinale danneggiata e i suoi sintomi? Prima di tutto, è importante sapere che gli esseri umani sono sterili quando nascono; è quando entrano in contatto con l’ambiente che i batteri iniziano a svilupparsi nel nostro organismo. Non si tratta di nulla di negativo, anzi, alcuni di questi microrganismi sono necessari per creare un sistema immunitario più forte.

Come ogni altra cosa, un buon equilibrio di batteri “buoni” e “cattivi” è necessario per il corretto funzionamento dell’apparato digerente. Il mantenimento di una flora intestinale equilibrata aiuta a proteggere l’organismo da virus, batteri “cattivi” e malattie, a produrre vitamine B e K e a favorire l‘assorbimento dei minerali.

New Call-to-action

Sintomi di una flora intestinale danneggiata

L’aspetto negativo degli antibiotici è che attaccano sia i batteri buoni che quelli cattivi. Questo è spesso la causa di problemi digestivi che a volte passano inosservati, ma che sono molto fastidiosi per chi li subisce. Per questo motivo è molto importante conoscere la flora intestinale danneggiata e i suoi sintomi. In questo modo, sarete in grado di affrontarli il prima possibile, per evitare che passino inosservati!

  • Diarrea frequente
  • Costipazione
  • Gonfiore e/o dolore addominale
  • Coliche
  • Rutto o flatulenza
  • Feci con un odore sgradevole

Sebbene una delle cause principali del danneggiamento della flora intestinale sia l’uso di antibiotici, è stato dimostrato che anche altri fattori come la dieta, l’età, lo stress, la vita sedentaria, ecc. possono alterare il microbiota intestinale. È stato inoltre dimostrato che, a seconda del luogo di residenza, le popolazioni batteriche sono diverse.

Ad esempio, uno studio sulla flora intestinale degli Hadza della Tanzania ha dimostrato che i cacciatori-raccoglitori africani hanno un microbioma batterico più ricco di quello dei cittadini italiani. Il motivo? Gli esseri umani esposti a un minor consumo di OGM mantengono una maggiore biodiversità e arricchimento di Bacteroidetes e Actinobacteria, poiché la loro dieta si basa sul consumo di carne, miele di baobab, bacche e tuberi. In breve, i cacciatori Hazda non coltivano né addomesticano piante e animali.

Cosa succede quando la flora intestinale è danneggiata?

Ora, conosciamo i sintomi di una flora intestinale danneggiata, ma cosa succede davvero all’interno del nostro corpo? La verità è che l’alterazione della colonia di batteri presenti nell’intestino compromette l’assorbimento dei nutrienti, l’apporto di vitamine e la protezione dalle infezioni nocive. Ma è stato dimostrato che un microbiota danneggiato ha anche altre conseguenze, come la promozione di sovrappeso, obesità e allergie.

Inoltre, un microbioma indebolito aumenta il rischio di malattie cardiache, diabete e persino cancro, Parkinson, Alzheimer e autismo. Inoltre, uno studio pubblicato da Cell Reports afferma che, così come gli antibiotici uccidono la flora intestinale, ostacolano e impediscono la crescita di nuovi neuroni e, di conseguenza, hanno altri effetti come la perdita di memoria.

Come si recupera la flora intestinale danneggiata?

Mantenere il giusto livello di batteri nella flora intestinale è essenziale per una buona salute generale. Come si può ottenere un microbiota sano? Ci sono diversi modi, prendete nota e iniziate a prendervi cura di voi stessi dall’interno!

  • Curate la vostra dieta. Includete nella vostra dieta frutta, verdura, legumi e semi. D’altra parte, dovreste eliminare o limitare il caffè, le bibite e i cibi elaborati dalla vostra routine quotidiana. In questo modo nutrirete il vostro microbioma intestinale.
  • Uso di probiotici. Si tratta di lieviti e batteri vivi che, pur vivendo nel nostro corpo, possono essere integrati con prodotti, bevande e integratori alimentari. Questo vi aiuterà a reintegrare la flora intestinale danneggiata e a raggiungere un equilibrio nel vostro corpo.
  • Includere i prebiotici. Non solo i probiotici sono necessari per ripopolare il microbiota, ma anche attraverso l’alimentazione è possibile fornire più fibre che favoriscono lo sviluppo della flora intestinale in quanto fungono da alimento, come i beta-glucani dell’avena o i frutto-oligosaccaridi di verdura e frutta.
  • Consumare alimenti fermentati, come crauti, kimchi, kombucha, yogurt o kefir, per il loro contenuto di lattobacilli e bifidobatteri.
  • Mantenete uno stile di vita attivo e fate sport tutti i giorni, soprattutto cardio, perché aiuta a ripristinare una maggiore diversità della flora intestinale. E naturalmente non dimenticate di bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno.

Quanto tempo occorre per recuperare la flora intestinale danneggiata?

Un’altra domanda che probabilmente vi preoccupa di più è quanto tempo ci vuole per recuperare la flora intestinale danneggiata e i relativi sintomi. In linea di massima, il microbioma si riprende in circa quattro settimane dopo l’uso di antibiotici, ma è stato anche dimostrato che in alcuni casi i batteri non si sono ripresi prima di sei mesi o un anno. In effetti, il corpo potrebbe non recuperare mai lo stato precedente del microbiota intestinale prima degli antibiotici.

Alcuni dei batteri che aiutano a ripristinare la flora intestinale danneggiata sono i seguenti:

  • Saccharomyces boulardii, un lievito che serve a prevenire e lenire i fastidiosi sintomi di diarrea e infiammazione.
  • Il Lactobacillus acidophilus, uno dei più noti, è presente negli yogurt ed è un probiotico ideale per l’intestino in quanto riduce le conseguenze degli antibiotici.
  • L. Caserío
  • L. Rhamnosus GG, uno dei batteri probiotici più studiati al mondo e serve a bilanciare il microbiota. Agiscono per regolare il funzionamento del transito intestinale, migliorano le malattie digestive come il Crohn o l’intolleranza al lattosio e migliorano alcune allergie, l’asma e la pelle atopica.
  • L. Plantarum 299v, indicato per promuovere la salute dell’apparato digerente.
  • B. Subtilis, fornisce stabilità alla flora intestinale.
  • B. Coagulans lactospora
  • B. clausii, perfetto per trattare i sintomi causati da antibiotici e diarrea.

Dopo aver appreso della flora intestinale danneggiata e dei suoi sintomi, ricordate che non dovete trascurare l’importanza di prendervi cura di voi stessi dall’interno, seguendo una dieta sana e assumendo gli integratori giusti per proteggere ed equilibrare il vostro microbiota. Inoltre, non dimenticate di fare esercizio fisico, che aiuta a ripristinare il microbioma.

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​