5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

insomnio por ansiedad

Insonnia ansiosa: cos’è e quali sono i sintomi ?

9 minutos 197 views

Vi è mai capitato di non riuscire ad addormentarvi e di sentirvi irrequieti? La verità è che l’insonnia dovuta all’ansia è un problema che riguarda gran parte della popolazione e che cresce nel tempo a causa dei ritmi di vita attuali. Preoccupazioni, stress, problemi quotidiani, pressioni sociali… rendono il sonno un compito complicato.

La mancanza di sonno è solitamente legata a una perdita di qualità della vita e a problemi di salute. In questo articolo scopriremo meglio cos’è l’insonnia ansiosa, quali tipi esistono, quali sintomi manifesta e i rimedi più efficaci per prevenirla.

New Call-to-action

Che cos’è l’insonnia ansiosa e quali tipi di insonnia esistono?

L’insonnia dovuta all’ansia si riferisce all’incapacità o alla difficoltà di addormentarsi e/o di mantenere il sonno e si genera come conseguenza delle risposte di allarme e di attivazione inviate dal cervello. Per sapere come agire, è importante sapere con quale tipo di insonnia abbiamo a che fare, poiché ne esistono due tipi principali:

  • Insonnia all’inizio del sonno. È causata dalla difficoltà di addormentarsi all’inizio della notte. In questo caso, chi ne soffre ha spesso pensieri intrusivi, preoccupazioni, stress quotidiano, ecc. che rendono difficile rilassarsi e addormentarsi.
  • Insonnia da mantenimento del sonno. Si verifica quando il sonno non viene mantenuto per tutta la notte, ma si verificano frequenti risvegli in cui è difficile riaddormentarsi.

Sintomi dell’insonnia da ansia

L’insonnia dovuta all’ansia presenta una serie di sintomi che possono variare da un paziente all’altro. Per imparare a diagnosticare questo problema, scopriremo quali sono i più frequenti:

  • Nervosismo. Nervosismo, stress o ansia sono nemici del sonno ristoratore.
  • Estrema stanchezza durante il giorno. Non dormire, o non dormire le ore raccomandate, causa una stanchezza diurna che può influire non solo sul rendimento lavorativo e accademico, ma anche sulla salute mentale in generale.
  • Irritabilità e apatia. Ovviamente, la mancanza di sonno rende le persone più irritabili ed emotivamente suscettibili, un aspetto che influisce sulle relazioni interpersonali, sull’umore e sulla qualità della vita.
  • Difficoltà di concentrazione e di attenzione. Se, in linea generale, lo stress già complica la capacità di attenzione, combinato con la mancanza di sonno la aumenta. Questo porta a difficoltà nello svolgimento delle attività quotidiane.
  • Perdita di memoria. La mancanza di sonno e il nervosismo influiscono direttamente sulla memoria, provocando un maggior numero di distrazioni e dimenticanze.
  • Somatizzazione. A volte il nostro corpo reagisce a determinate situazioni, ad esempio l’ansia o il nervosismo possono provocare eruzioni cutanee, eczemi, problemi gastrointestinali, mal di testa e altro.

Rimedi per prevenire l’insonnia dovuta all’ansia.

L’insonnia da ansia può diventare una sfida importante per chi lotta costantemente con alti livelli di preoccupazione e stress. È quindi importante affrontare questo problema con un approccio olistico che includa rimedi e strategie pratiche per promuovere e ottenere un sonno ristoratore.

Rilassamento

Uno strumento efficace per ridurre l’ansia e facilitare l’addormentamento è l’utilizzo di tecniche di rilassamento, come la meditazione o la respirazione. Questo aiuta a ridurre i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress, e quindi a prevenire l’insonnia dovuta all’ansia.

Routine del sonno

I problemi di sonno sono spesso causati dalla mancanza di routine. Mantenere un orario regolare per alzarsi e andare a letto insegnerà al corpo e alla mente che è ora di riposare. E, per quanto possibile, cercate di evitare cambiamenti radicali negli orari del sonno, anche durante i fine settimana o le vacanze.

Evitare gli stimoli prima di andare a letto

L’uso degli schermi nelle ore precedenti l’ora di andare a letto interferisce con la produzione dell’ormone del sonno, la melatonina. L’ideale sarebbe limitare l’uso dei dispositivi elettronici almeno da 30 minuti a un’ora prima di andare a letto.

Crea un ambiente ideale per il sonno

Oltre a quanto detto sopra, è importante curare anche l’ambiente, cioè la camera da letto deve essere buia, piacevolmente calda e silenziosa.

Esercizio fisico regolare

Lo sport aiuta a ridurre l’ansia e, quindi, sarà molto più facile ottenere un sonno ristoratore senza risvegli notturni.

Fitoterapia

A volte, l’insonnia dovuta all’ansia deve essere trattata con farmaci, sempre sotto la supervisione di un medico. Tuttavia, un’alternativa è la fitoterapia, che prevede l’uso di piante naturali come la valeriana, la melissa, la lavanda, la melatonina, ecc. che aiutano a rilassarsi e a ridurre lo stress. Prima di iniziare qualsiasi trattamento alternativo, è bene consultare uno specialista per capire quale sia il più adatto al proprio caso specifico.

Come abbiamo spiegato all’inizio di questo articolo, l’insonnia dovuta all’ansia è un disturbo del sonno che può avere un impatto negativo sulla qualità della vita di chi ne soffre. Per questo motivo, è particolarmente importante porvi rimedio il prima possibile e provare diverse tecniche e soluzioni per alleviare lo stress. Ricordate che un sonno ristoratore è essenziale per il benessere fisico e mentale.

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​