5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

función de los minerales

La funzione dei minerali e dove trovarli

14 minutos 37 views

Il nostro corpo ha bisogno di nutrienti per funzionare al meglio. Dobbiamo assicurarci che la nostra dieta comprenda sia i macronutrienti che i micronutrienti. In quest’ultimo gruppo rientrano i minerali. Svolgono un ruolo importante nelle diverse funzioni dell’organismo. Ad esempio, contribuiscono al corretto funzionamento del cuore e del cervello, mantengono le ossa in salute e sono importanti anche per gli enzimi e gli ormoni. In questo articolo vedremo cosa fanno i minerali e come possiamo includerli nella nostra dieta.

función de los minerales

Cosa sono i minerali e perché ne abbiamo bisogno?

Così come il nostro corpo ha bisogno di macronutrienti come carboidrati, proteine e grassi, ha anche bisogno di minerali. Tuttavia, in quantità relativamente ridotte. Sono quindi considerati micronutrienti.

I minerali sono sostanze nutritive che svolgono funzioni importanti per il nostro organismo. Tuttavia, l’organismo non è in grado di sintetizzarli da solo. Ecco perché è importante integrarli nella nostra dieta. A grandi linee, possiamo dire che i diversi tipi di minerali hanno tre funzioni specifiche:

  1. Funzione strutturale, che consiste nel far parte dei mattoni per la crescita delle strutture biologiche che compongono il corpo (come ossa e muscoli). È il caso del calcio e del magnesio, che fanno parte del tessuto osseo. Il ferro, dal canto suo, è essenziale per l’emoglobina, la proteina presente nel sangue che gli conferisce il particolare colore rosso.
  2. Funzione regolatoria, cioè contribuire alla regolazione dei processi corporei (equilibrio dei fluidi, contrazione muscolare, impulsi nervosi, ecc.) Un esempio tipico è lo iodio, che mantiene in equilibrio la ghiandola tiroidea, la quale a sua volta secerne ormoni che controllano il ritmo di innumerevoli attività dell’organismo.
  3. Funzione di trasporto, con la quale aiutano il movimento di alcune sostanze da una parte all’altra del corpo. È il caso del sodio o del potassio, che fungono da collegamento attraverso la membrana cellulare, o del ferro, che aiuta a trasportare l’ossigeno.

Esistono diversi tipi di minerali:

  • Macroelementi essenziali di cui l’organismo ha bisogno più di 100 mg al giorno. Questi includono calcio, fosforo, sodio, potassio, cloro, magnesio e zolfo.
  • Oligoelementi essenziali necessari all’organismo in quantità inferiori a 100 mg al giorno, come ferro, zinco e rame.
  • Oligoelementi essenziali di cui non abbiamo bisogno di più di 1 mg al giorno. Ad esempio, iodio, cromo, molibdeno e selenio.
  • Inquinanti che il nostro organismo non è in grado di depurare da solo e che si trasformano in metalli pesanti neurotossici, come l’alluminio, il piombo, l’arsenico, il mercurio… In questo caso, il silicio svolge un ruolo molto importante perché è l’antagonista di questi minerali. Più silicio abbiamo a disposizione nel nostro corpo, meno metalli pesanti immagazzineremo.

Ruolo dei minerali

Come abbiamo visto, la funzione dei minerali è specifica per ogni tipo di minerale. Sebbene esistano tre funzioni principali – strutturale, regolatoria e di trasporto – ogni minerale ha una propria funzione nell’organismo. Vediamo ora la funzione dei singoli minerali.

Macrominerali

  • Sodio: necessario per la contrazione muscolare e per il controllo della pressione sanguigna.
  • Cloro: fa parte dei succhi gastrici, equilibra il corretto livello dei liquidi.
  • Potassio: coinvolto nella trasmissione nervosa e nella contrazione muscolare.
  • Calcio: essenziale per la salute di denti e ossa.
  • Fosforo: mantiene l’equilibrio acido-base.
  • Magnesio: necessario per la produzione di proteine.
  • Zolfo: presente nelle molecole proteiche.
  • Silicio: coinvolto nei processi rigenerativi attraverso la produzione di collagene e di altre molecole fondamentali come l’elastina. È fondamentale per fornire ai tessuti connettivi l’elasticità e la consistenza necessarie.

Microminerali

  • Ferro: necessario per il metabolismo energetico.
  • Zinco: necessario per produrre proteine.
  • Iodio: presente nell’ormone tiroideo.
  • Selenio: antiossidante.
  • Rame: fa parte di molti enzimi.
  • Cromo: agisce con l’insulina.
  • Molibdeno: parte di alcuni enzimi.

Come ottenere i minerali di cui il corpo ha bisogno

Possiamo sfruttare tutte le funzioni dei minerali ricavandole dalla nostra alimentazione. Vale la pena ricordare che in passato la nostra dieta era ricca di minerali; tuttavia, a causa dell’agricoltura intensiva, i minerali presenti nella nostra dieta sono sempre meno. Fortunatamente, possiamo anche integrare la dieta con prodotti ricchi di minerali. In questo modo si ottiene la quantità necessaria per il corretto funzionamento dell’organismo. Come abbiamo detto, uno dei minerali essenziali per l’organismo è il silicio. Prendiamo ad esempio il modo in cui possiamo ottenerlo, sia nella dieta che negli integratori disponibili per migliorare il nostro benessere.

Alcuni degli alimenti ricchi di silicio sono i seguenti:

  • Frutti: mela, arancia, kiwi, mango, fragole, uva sultanina e banana.
  • Verdure: cavolo crudo, carote, lattuga, cipolle, cetrioli, zucca, fagiolini o fagioli verdi.
  • Proteine: pollo, salmone, uova.
  • Legumi: lenticchie, ceci.
  • Pesce: salmone,
  • Frutta a guscio: anacardi.
  • Cereali: riso, riso integrale, pasta, mais, avena, erba medica, orzo, soia, crusca di grano.

Integrate la vostra dieta con Silicium

Il silicio organico è un grande alleato del vostro corpo. È uno degli oligoelementi essenziali per l’organismo, presente in molti processi rigenerativi perché favorisce la produzione di collagene. Sapevate che dopo i 35 anni l’assimilazione del silicio attraverso gli alimenti si riduce drasticamente?

Solo una piccola quantità di silicio viene assorbita dall’organismo. Questo perché la flora intestinale non sintetizza nel modo giusto il silicio che assumiamo dagli alimenti. Le cause sono da ricercare nei farmaci, nella permeabilità intestinale, ma anche nell’abuso di farine raffinate, cibi elaborati, ecc.

Anche i bassi livelli di silicio negli alimenti, dovuti alle monocolture e alla demineralizzazione del suolo, svolgono un ruolo importante. La coltivazione intensiva di ortaggi, cereali, legumi, l’uso di fertilizzanti sintetici, pesticidi, erbicidi, ecc. hanno ridotto notevolmente la flora microbica dell’humus. L’humus è responsabile della solubilizzazione del silicio dai silicati presenti nel terreno per le piante. La conseguenza principale è che le piante hanno meno silicio, il che rende le loro cuticole più deboli e più vulnerabili ai parassiti. L’uso di più pesticidi trasforma l’intero processo in una spirale negativa.

A partire dai 40 anni è quindi opportuno inserire nella nostra dieta un integratore di silicio organico di qualità e biodisponibile, come ad esempio:

CTA Siliplant IT
Living Silica Hydrolyzed Collagen Peptides

Come si vede, il silicio è un grande alleato dell’organismo che aiuta a sfruttare al meglio la funzione dei minerali, in particolare del silicio. Ricordate che, oltre al silicio organico, potete optare per altri prodotti che includono altri minerali, come Orgono Articomplex (con magnesio e zinco), G7 Beauty (con selenio), G7 Activ+ (con magnesio). Aiutate il vostro corpo con minerali extra!

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​