5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

alimentos-para-lograr-valores-normales-de-vitamina-D

Valori normali di vitamina D nelle donne

11 minutos 67 views

La vitamina D è una componente essenziale per la salute delle donne nelle diverse fasi della vita. È importante conoscere i livelli normali di vitamina D per le donne, al fine di adottare determinate misure in caso di carenza.

In questo articolo spieghiamo come assicurarsi un apporto naturale di vitamina D, la sua importanza biologica e i valori normali della vitamina D nelle donne.

Cos’è la vitamina D e perché è importante?

Quando parliamo di questa vitamina, in realtà ci riferiamo a una serie di composti liposolubili essenziali per la vita e con una missione ben precisa: sintetizzare il calcio e il fosforo. Inoltre, la vitamina D è coinvolta anche in funzioni metaboliche e immunologiche.

New Call-to-action

Le vitamine liposolubili, come la vitamina D, sono immagazzinate nel fegato, nel tessuto adiposo e nei muscoli. Hanno la particolarità di essere assorbiti più facilmente dall’organismo in presenza di grassi alimentari.

La vitamina D non viene sintetizzata endogenamente dall’organismo, cioè deve essere attivata da complessi sistemi enzimatici e dipende soprattutto dall’esposizione al sole o dall’inserimento nella dieta.

Gli alimenti che forniscono vitamina D sono uova, crostacei, pesce azzurro, burro e carni organiche. Non ce ne sono molti. Essendo di origine animale, le persone che seguono diete vegane o vegetariane possono avere più problemi quando si tratta di ingerire alimenti con vitamina D.

Non è raro trovare persone con carenza di vitamina D nel nostro ambiente. In primo luogo, perché la loro dieta non fornisce una quantità sufficiente di questa vitamina; in secondo luogo, perché l’esposizione al sole è ridotta nei mesi invernali e a causa dell’uso necessario di creme solari.

La vitamina D è essenziale per una buona salute. Tuttavia, nel caso delle donne, questa vitamina è essenziale in tre circostanze chiave: fertilità, gravidanza e post-menopausa.

Quali sono i valori normali della vitamina D nelle donne?

vitamina-D-test

In generale, 30 ng/ml di 25OHD è accettabile come valore ottimale, tuttavia in alcuni contesti si raccomanda di aumentarlo oltre 36 e fino a 40 ng/ml di 25OHD.

Si parla quindi di livelli insufficienti se non si raggiungono i 30 ng/ml di 25OHD e si considera una carenza grave quando non si raggiungono i 10 ng/ml di 25OHD.

Ci sono tre momenti chiave nella vita di una donna in cui è necessario prestare particolare attenzione ai valori normali di vitamina D nelle donne: quando sono in età fertile e cercano una gravidanza, le donne in gravidanza e in allattamento e le donne in postmenopausa. In questi casi, le carenze di vitamina D possono avere gravi conseguenze, che verranno discusse di seguito.

Come si misurano i valori della vitamina D

Il test eseguito per verificare i valori normali di vitamina D nelle donne si chiama 25 idrossivitamina D (25OHD).

È importante consultare un medico specialista prima di iniziare un’integrazione di vitamina D. In primo luogo, è necessario verificare che i valori della donna siano normali, utilizzando il test della 25-idrossivitamina D, per poi stabilire se sia necessaria un’integrazione.

La quantità giornaliera raccomandata di vitamina D è:

● 400 unità internazionali (UI) per i bambini fino a 12 mesi;

● 600 UI per le persone di età compresa tra 1 e 70 anni, e.

● 800 per gli ultrasettantenni.

Quali sono le conseguenze della carenza di vitamina D nelle donne?

La vitamina D è importante in ogni fase della vita di una donna. In ognuna di queste fasi, una carenza di vitamina D ha conseguenze specifiche. Esaminiamoli:

  • Durante l’infanzia, la carenza di vitamina D può portare a rachitismo e osteomalacia.
  • Nell’adolescenza, la carenza di vitamina D può compromettere la corretta distribuzione del grasso corporeo e il mantenimento di corretti livelli di ferritina. In questa fase, le donne iniziano ad avere le mestruazioni, quindi è necessario monitorare la presenza di vitamina D e ferro nell’organismo per evitare patologie come l’anemia. 
  • Donne in età fertile. È noto che livelli normali di vitamina D nelle donne migliorano la fertilità. Al contrario, una carenza può portare a disturbi metabolici, come la sindrome dell’ovaio policistico.
  • Donne in gravidanza e in allattamento. La carenza di vitamina D in gravidanza è associata a diabete gestazionale, pre-eclampsia e anemia. Può anche avere conseguenze negative per i bambini, come un peso e un’altezza ridotti alla nascita, un rallentamento nell’appoggio del collo o nell’apprendimento del gattonamento. Per questo motivo, l’integrazione di vitamina D è spesso raccomandata per soddisfare tutte le esigenze nutrizionali della madre e del bambino durante questo periodo.
  • Donne in postmenopausa a rischio di osteoporosi. Una carenza può anche portare a disturbi dell’equilibrio e al diabete. Pertanto, è necessario prestare attenzione per evitare cadute.
exposicion-al-sol

Come aumentare i livelli di vitamina D

Esistono diversi modi per ottenere la vitamina D in modo naturale:

Orgono Articomplex
Orgono Articomplex
  • Attraverso la dieta. Gli alimenti che contengono naturalmente più vitamina D sono il tuorlo d’uovo, i latticini, i pesci grassi come il salmone… Chi non mangia alimenti di origine animale può ottenere la vitamina D dai funghi, dai funghi shiitake o dal lievito di birra.
  • Esposizione al sole, ma evitando le ore centrali della giornata.
  • Integratori naturali. Come Orgono Articomplex, che contiene vitamina D3 e aiuta a rafforzare ossa e articolazioni grazie al silicio organico. Questo complesso multivitaminico migliora la funzione muscolare e aiuta a ridurre la stanchezza e l’affaticamento. È un antiossidante e rafforza anche il sistema immunitario. Una dose extra di vitamine e minerali che influiscono sul benessere.

Come sapete, non trascurate l’assunzione di vitamina D. A tal fine, è necessario mangiare in modo sano, prendere il sole con moderazione e integrare la dieta per garantire livelli normali di vitamina D nelle donne.

New Call-to-action

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​