5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

Los mariscos en el embarazo pueden ser una fuente rica de nutrientes esenciales, beneficiando tanto a la madre como al bebé.

I frutti di mare possono essere consumati in gravidanza?

11 minutos 211 views

Durante la gravidanza è importante prestare attenzione all’alimentazione per garantire il benessere della madre e del bambino in via di sviluppo. Tra gli alimenti che suscitano dubbi e preoccupazioni ci sono i frutti di mare, per la possibilità di contenere sostanze potenzialmente dannose. Rispondiamo qui a una delle domande più frequenti in questa fase: si possono mangiare i frutti di mare in gravidanza, sono sicuri? Ci sono rischi per le donne incinte quando mangiano i frutti di mare, quali rischi corrono?

New Call-to-action

Benefici dei frutti di mare in gravidanza

I frutti di mare sono un tipo di alimento che può svolgere un ruolo importante nell’alimentazione durante la gravidanza, grazie alla loro ricca composizione di nutrienti essenziali che favoriscono lo sviluppo della madre e del bambino. Tra questi nutrienti, le proteine di alta qualità offerte dai frutti di mare sono essenziali per la crescita cellulare e la riparazione dei tessuti, che sono fondamentali durante la gravidanza.

Inoltre, i frutti di mare forniscono minerali essenziali come lo zinco, fondamentale per il sistema immunitario e lo sviluppo cellulare, e le vitamine del gruppo B, tra cui la vitamina B12, essenziale per la formazione dei globuli rossi e per lo sviluppo del sistema nervoso del feto. Questa combinazione di vitamine e minerali favorisce il benessere generale della madre e contribuisce a ridurre il rischio di alcune complicazioni durante la gravidanza.

Tuttavia, uno dei maggiori benefici dei frutti di mare risiede nel loro contenuto di acidi grassi omega-3, in particolare di acido docosaesaenoico (DHA). Questo componente è fondamentale per lo sviluppo neurologico e visivo del feto. Diversi studi hanno suggerito che un’assunzione adeguata di DHA durante la gravidanza può determinare un miglioramento delle capacità cognitive e visive del bambino, oltre a essere associata a un minor rischio di parto prematuro.

Tuttavia, è importante prendere precauzioni quando si consumano frutti di mare durante la gravidanza, a causa del rischio di contaminazione da batteri e parassiti. Vedi sotto.

Il contenuto di acidi grassi omega-3 dei frutti di mare durante la gravidanza è fondamentale per lo sviluppo neurologico e visivo del feto.

Rischi associati al consumo di frutti di mare durante la gravidanza

Il consumo di frutti di mare non è privo di rischi. Uno dei pericoli più significativi è l’esposizione al mercurio, un metallo pesante presente in alcuni frutti di mare. Questo contaminante può attraversare la placenta e influenzare lo sviluppo neurologico del bambino, causando potenzialmente danni al sistema nervoso e ritardi nello sviluppo.

Inoltre, i frutti di mare crudi o poco cotti presentano un altro rischio importante: la possibilità di contenere batteri e parassiti dannosi per la salute della madre e del feto. Tra questi microrganismi, la salmonella e la listeria destano particolare preoccupazione. La listeriosi, ad esempio, è un’infezione causata dal batterio Listeria monocytogenes che, in gravidanza, può portare a gravi conseguenze, tra cui parto prematuro, aborto spontaneo o addirittura gravi malattie del neonato.

È quindi essenziale che le donne in gravidanza prendano precauzioni quando consumano frutti di mare. Optare per frutti di mare ben cotti ed evitare quelli noti per il loro alto contenuto di mercurio è un passo fondamentale per ridurre al minimo i rischi. 

Precauzioni per un consumo sicuro di frutti di mare durante la gravidanza

Nonostante i potenziali rischi, è possibile godere dei benefici nutrizionali dei frutti di mare durante la gravidanza prendendo alcune precauzioni. 

Scegliere frutti di mare sicuri

Scegliete i frutti di mare a basso contenuto di mercurio, come gamberi, scampi, granchi, cozze e vongole. Queste scelte sono generalmente più sicure per il consumo durante la gravidanza. Evitate i crostacei grandi e predatori, che tendono ad avere livelli più elevati di mercurio.

Cuocere correttamente i frutti di mare

Assicuratevi di cuocere correttamente i crostacei per eliminare eventuali batteri o parassiti presenti. Per garantire l’eliminazione di batteri e parassiti potenzialmente dannosi, i frutti di mare devono essere cotti a una temperatura interna di almeno 65 °C. Questo passaggio è fondamentale per prevenire infezioni di origine alimentare che potrebbero essere dannose sia per la madre che per il feto.

Evitare i frutti di mare crudi o affumicati durante la gravidanza per prevenire il rischio di batteri e parassiti.

Evitare i frutti di mare crudi o affumicati.

Inoltre, i frutti di mare crudi o affumicati, tra cui ostriche, ceviche e piatti simili, dovrebbero essere evitati durante la gravidanza. Questi prodotti possono ospitare batteri e virus particolarmente pericolosi in questo periodo. Anche i frutti di mare affumicati non adeguatamente cotti prima del consumo dovrebbero essere evitati.

Ascoltate gli avvertimenti 

Controllate gli avvisi locali sulla sicurezza dei molluschi. Le autorità sanitarie emettono spesso avvisi su aree ad alta contaminazione che possono compromettere la sicurezza dei frutti di mare. Evitare il consumo di prodotti provenienti da queste zone è una misura precauzionale essenziale.

Consultare il medico

Infine, in caso di dubbi o preoccupazioni, è consigliabile consultare un medico o un nutrizionista specializzato in gravidanza. Questi professionisti possono offrire indicazioni specifiche e personalizzate, garantendo che il consumo di frutti di mare contribuisca positivamente allo sviluppo della gravidanza, senza mettere a rischio la salute della madre o del bambino.

È possibile mangiare frutti di mare in gravidanza, ma con cautela.

Il consumo di frutti di mare durante la gravidanza può essere sicuro e benefico se si prendono le dovute precauzioni. Sebbene esistano rischi potenziali associati al mercurio e alla contaminazione batterica, la scelta di frutti di mare sicuri e la loro corretta cottura possono ridurre al minimo questi rischi.

I frutti di mare sono un’ottima fonte di nutrienti essenziali per lo sviluppo del feto e la salute della madre, quindi non è necessario evitarli completamente durante la gravidanza. Tuttavia, è importante tenere conto delle raccomandazioni di cui sopra per godere dei benefici nutrizionali dei frutti di mare in tutta sicurezza.

Ricordate di consultare sempre il vostro medico per avere informazioni specifiche e personalizzate sul vostro caso particolare.

New Call-to-action

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​