5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

Cómo se hace el masaje miofascial

Massaggio miofasciale: cos’è e a cosa serve?

11 minutos 149 views

Avete mai sentito parlare di terapia miofasciale o di massaggio? Conosciuta anche come rilascio miofasciale, è una terapia per recuperare e attivare la muscolatura. Si sviluppa sul sistema fasciale per eliminare le limitazioni funzionali che può avere e per influenzare la forma della fascia per agire sul sistema locomotore.

Sebbene richieda l’intervento di un fisioterapista per essere eseguito correttamente, è possibile imparare alcune tecniche che permettono di auto-massaggiarsi come parte della routine di stretching e recupero dopo l’esercizio fisico. Può anche essere un ottimo alleato nel recupero di un infortunio muscolare, insieme all’integrazione alimentare. In questo caso, però, affidatevi sempre a dei professionisti.

New Call-to-action

Per poterne sfruttare tutti i benefici, in questo articolo vi spieghiamo cos’è il massaggio miofasciale e come potete praticare un automassaggio con l’aiuto di rulli e palline. Continuate a leggere!

Che cosa sono la fascia e il sistema fasciale?

Prima di spiegare cos’è il massaggio miofasciale, è necessario conoscere il sistema fasciale. La fascia è il tessuto che circonda tutte le strutture del corpo e le collega tra loro. È un tessuto connettivo fibroso che si trova appena sotto la pelle e avvolge muscoli, ossa, nervi, vasi sanguigni, organi e cellule. Permette ai nostri muscoli di muoversi liberamente e riduce l’attrito del movimento. Fornisce sostegno e forma ed è quindi coinvolto nel corretto funzionamento della biomeccanica del corpo.

Si possono distinguere diversi tipi di fascia:

  • Muscolare: avvolge i muscoli, le ossa e i nervi.
  • Viscerale: lo strato più denso della fascia, che avvolge gli organi.
  • Vascolare: si differenzia leggermente dagli altri in quanto è responsabile di circondare i vasi sanguigni che trasportano il sangue.
  • Sottocutaneo: è il più superficiale ed è chiamato ipoderma. Collega la parte più profonda della pelle ai muscoli.

Il sistema miofasciale è un sistema vivo e attivo che svolge un ruolo importante nel movimento e nel metabolismo. Sostiene e modella il corpo, ma è anche necessaria per le funzioni biomeccaniche: partecipa al pompaggio del sangue e della linfa e assiste nella produzione di collagene quando le ferite guariscono. Essendo tutto collegato, qualsiasi tensione in un’area può provocare tensioni in un’altra area più lontana.

In cosa consiste la terapia miofasciale?

Le lesioni del sistema fasciale sono comuni e possono essere causate da una cattiva igiene posturale, da movimenti ripetitivi, da traumi, da azioni quotidiane… Il dolore miofasciale ha origine nei punti trigger – legati ad aree rigide ancorate nel tessuto miofasciale.

Durante la terapia di rilascio miofasciale, il terapeuta individua le aree rigide esercitando una leggera pressione manuale. La pressione e l’allungamento allentano i movimenti limitati, riducendo il dolore.

Benefici del massaggio miofasciale

  • Riduce l’affaticamento muscolare
  • Previene le lesioni
  • Migliora la flessibilità e l’articolazione
  • Favorisce il recupero dopo un esercizio fisico intenso
  • Migliora la circolazione e la pressione sanguigna
  • Scioglie i nodi ed elimina i trigger point, eliminando così il dolore che provocano.
  • Rilascia le tossine
  • Favorisce una corretta igiene posturale

Come praticare un massaggio miofasciale da soli

Per applicare il massaggio miofasciale da soli, è necessario un piccolo aiuto, come un foam roller o una palla. Dipende dall’area da massaggiare, ma in generale la palla è adatta per le aree più piccole, mentre il foam roller per i gruppi muscolari più grandi. Non utilizzare per le articolazioni o gli avvallamenti (come dietro le ginocchia, le ascelle, il collo e la parte bassa della schiena).

Il foam roller è fatto di schiuma e ha la forma di un cilindro. Alcuni rulli hanno dei rilievi, più sporgenze hanno, più profondo è il massaggio (ma più scomodo è), quindi è meglio iniziare con un rullo liscio. Questo strumento esercita una pressione simile a quella utilizzata dal fisioterapista nella terapia manuale.

Per eseguire l’automassaggio miofasciale, seguire le seguenti indicazioni:

  • Massaggiate i gruppi muscolari dalla parte inferiore a quella superiore del corpo, con movimenti decisi e lenti (non troppo veloci, ma premendo contro il rullo).
  • La tecnica si basa sulla pressione del rullo e sulla sua rotazione sul pavimento, appoggiandovi la zona da trattare.
  • Cercate posizioni comode e provate i movimenti. I movimenti devono essere lenti, bisogna applicarli con calma, farlo velocemente non implica un massaggio.
  • È importante individuare il punto del dolore che si vuole alleviare con il massaggio. Quando si massaggia con decisione, si dovrebbe avvertire un certo fastidio o dolore, ma dovrebbe essere sopportabile.

Cosa non fare?

  • Sostituite a questo massaggio l’intervento di un professionista. Anche se è possibile eseguire il massaggio da soli, utilizzando ad esempio un rullo di schiuma, è meglio farsi valutare da un professionista.
  • Applicare il massaggio in caso di fatture, febbre o malattia.
  • Fate il massaggio se siete incinte.

Come integrare la terapia miofasciale?

È possibile potenziare l’effetto di questo trattamento con l’aiuto della giusta integrazione. Per esempio, agli atleti consigliamo Pack Complete Recovery, che comprende l’integratore di silicio liquido, capsule di magnesio, silicio e vitamina C e un gel concentrato a base di silicio per applicazione esterna.

Oltre ad assumere gli integratori formulati con silicio organico, è possibile utilizzare il gel per aumentare l’efficacia dell’automassaggio:

Poiché si consiglia di applicarlo da 2 a 4 volte al giorno, una di queste può essere prima del massaggio miofasciale. A questo scopo, si applica uno strato sottile e si massaggia delicatamente. L’applicazione della crema può essere utilizzata per individuare i punti trigger, cioè le aree in cui si avverte il dolore. Per una maggiore efficacia, l’area può essere avvolta con una pellicola di plastica. Una volta coperto, iniziare l’automassaggio.

I benefici che apporta grazie al suo effetto decongestionante sono:

  • Aiuta a rilassare i tendini e le articolazioni sovraccarichi.
  • Migliora la forza, la resistenza e l’elasticità.
  • Stimola la produzione naturale di collagene.

Come si può notare, questo tipo di massaggio può aiutare a recuperare dopo un esercizio fisico intenso o se si sta facendo riabilitazione dopo un infortunio. Ricordate che è sempre necessario che un professionista istruisca e sorvegli i movimenti per correggere eventuali deviazioni. Una volta appresa la tecnica, è possibile riprodurla a casa ogni volta che se ne ha bisogno.

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​