5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

intolerancias a la lactosa ejemplo vaso de leche

Scoprite le quattro principali intolleranze alimentari e i relativi sintomi

11 minutos 422 views

Le intolleranze alimentari sono reazioni anomale che si verificano nel corpo umano in seguito al consumo di determinati alimenti. Alcuni alimenti non sono ben digeriti, metabolizzati o assimilati dall’organismo. Si stima che il 30% della popolazione spagnola soffra di questo tipo di intolleranza.

Qui vi sveliamo le possibili cause, i sintomi che possono rilevarla e le quattro principali intolleranze, le più comuni che esistono.

New Call-to-action

Intolleranze, allergie e alimenti nocivi: come distinguerli?

Prima di approfondire l’argomento, è bene chiarire che non bisogna confondere un’intolleranza con un’allergia. Alcuni sintomi possono far sorgere dei dubbi, poiché si tratta della stessa cosa. Ma ci sono delle differenze, la più evidente delle quali è che l’intolleranza a un alimento riguarda il metabolismo, mentre l’allergia coinvolge direttamente il sistema immunitario.

Inoltre, una reazione allergica può anche causare un’infiammazione e compare immediatamente. L’intolleranza, invece, è più prolungata, in quanto si manifesta nel tratto digestivo. D’altra parte, dobbiamo aggiungere un’altra differenziazione per quanto riguarda le allergie e le intolleranze; ci riferiamo ai cosiddetti alimenti “aggressori”. Si tratta di alimenti che alterano i livelli di glucosio e insulina nel sangue dopo il consumo.

Sono un problema perché tendono ad aumentare queste sostanze in quantità superiori al necessario. In altre parole, forniscono un eccesso che si accumula sotto forma di grasso, causando infiammazione e dipendenza. È possibile scoprire quale alimento provoca questo aumento misurando il livello di zucchero nel sangue dopo averlo mangiato.

Cause delle intolleranze alimentari

Esistono cause non specifiche perché non conosciamo l’origine delle intolleranze e delle loro reazioni. Sappiamo però che si tratta di cause metaboliche, cioè che non disponiamo dell’enzima necessario per la completa digestione di un determinato alimento. Anche la sensibilità ad alcuni additivi alimentari (come i solfiti) può scatenarle.

Anche i problemi digestivi svolgono un ruolo importante e, a lungo termine, favoriscono lo sviluppo di un’intolleranza. Ad esempio, se si segue una dieta poco sana, ricca di prodotti ultra-lavorati o grassi, più difficili da digerire. Oppure se si soffre di colon irritabile, una condizione cronica che provoca crampi e costipazione.

Allo stesso modo, diverse malattie, da quelle del tratto gastrointestinale a quelle del dotto biliare e del pancreas, possono portare a una cattiva digestione. Un organismo colonizzato da un’elevata quantità di fungo, la candida albicans, sviluppa nel tempo intolleranze. Infine, anche fattori psicologici come lo stress o l’ansia possono giocare un ruolo importante.

Quali sono i sintomi dell’intolleranza?

  • Digestione incompleta del cibo, come spiegato sopra. Provoca una sensazione di gonfiore o di stomaco pieno dopo aver mangiato.
  • Interruzione della flora intestinale (o disbiosi), che si verifica quando l’equilibrio tra batteri benefici e non benefici è alterato. La conseguenza è uno svolgimento inadeguato della loro funzione, che ostacola l’assorbimento dei nutrienti.
  • La diarrea, inoltre, è causata proprio da questa alterata permeabilità intestinale.
  • Gas, un altro sintomo di cattiva digestione.
  • Nausea.
  • Crampi.
  • Altri sintomi respiratori (asma), fisici (affaticamento), neurologici (cefalea o vertigini) o dermatologici (orticaria o acne).

Quali sono i tipi di intolleranze?

Le intolleranze alimentari più comuni o frequenti sono quattro, anche se ve ne sono altre meno conosciute:

Lattosio

Una delle più conosciute. Può essere primaria, secondaria, congenita o evolutiva. L’intolleranza al lattosio ha la sua origine principale in un tipo di zucchero presente nel latte e in altri prodotti caseari.

Si verifica quando l’enzima lattasi è troppo poco presente. Di conseguenza, il nostro corpo non riesce a digerire il nutriente come dovrebbe e questo rimane nel colon.

Il glutine

Nota anche come celiachia, ne soffrono le persone il cui organismo non riesce ad assimilare questa proteina. Si trova naturalmente nel frumento, nella segale, nell’orzo, nel farro e nell’avena, per cui gli alimenti prodotti a partire da questi sono vietati.

Questa intolleranza può causare altri sintomi come anemia, dolori articolari, perdita di densità ossea e persino ulcere alla bocca. Ricordiamo che sono sempre più numerosi i prodotti etichettati come “senza glutine” per chi è intollerante.

Fruttosio

È un carboidrato semplice presente nello zucchero naturale della frutta (da cui il nome) e di altri alimenti. Le intolleranze al fruttosio rendono necessario limitare o evitare completamente il consumo di fruttosio.

Perché la proteina responsabile del suo trasporto, nel processo digestivo, non funziona correttamente. Passa quindi nel colon, dove viene fermentato dai batteri intestinali. Questo provoca un disagio sotto forma dei sintomi sopra citati.

Sorbitolo

Infine, il sorbitolo può essere presente anche in alcuni frutti come mele, pere, albicocche e fragole. Si trova anche nel cavolfiore e nei funghi. D’altra parte, però, viene aggiunto come dolcificante artificiale a molti altri alimenti. Di solito è etichettato come E-420.

Ci siamo abituati a certi alimenti che causano alcuni sintomi lievi nella nostra vita quotidiana: bruciore di stomaco, gas, pesantezza… Succede talmente tanto che l’abbiamo addirittura normalizzato. Gli alimenti giusti per noi non dovrebbero causare effetti collaterali dopo l’ingestione. Impegnatevi a scoprire quali sono gli alimenti di cui il vostro corpo ha bisogno e che tollera correttamente. Evitate le diete generalizzate, perché ogni corpo è diverso. Ascoltate attentamente il vostro corpo, vi darà tutte le informazioni di cui avete bisogno!

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​