5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

Té verde en ayunas:

Tè verde a digiuno: tutto quello che c’è da sapere

13 minutos 1191 views

Bere tè verde a stomaco vuoto è diventata una delle abitudini più diffuse per migliorare il benessere e la salute.

Ottenuto dalle foglie della pianta camelia sinensis, il tè verde è profondamente radicato come rimedio naturale nelle culture orientali, in particolare in Cina, Giappone e Corea. In questi luoghi, ogni provincia ha la sua specialità e c’è una ricca tradizione che circonda questa bevanda.

Oggi questa bevanda è molto diffusa anche in Occidente, dove è considerata una delle bevande più salutari.

New Call-to-action

Questa nozione è stata confermata anche dalla scienza moderna, che ne evidenzia l’elevato contenuto di antiossidanti e di sostanze nutritive benefiche per la salute.

Il tè verde rappresenta oggi un quarto o un quinto della produzione mondiale di tè, e i principali produttori sono Cina, Giappone e Vietnam.

In questo contesto, quali sono i benefici del tè verde e i principali vantaggi di berlo a stomaco vuoto? Ve lo diciamo noi.

Tè verde: cosa lo rende speciale?

La composizione nutrizionale del tè verde lo rende un tè particolarmente salutare. Questi contenuti includono:

  • Polifenoli: possiede il 30% di polifenoli in peso, la maggior parte dei quali sono flavonoidi come l’epicatechina (EC), l’epigallocatechina (EGC), l’epicatechina gallato (ECG) e l’epigallocatechina gallato (EGCG). Particolarmente importante è la catechina, un antiossidante naturale che previene i danni cellulari e molecolari riducendo al minimo la formazione di radicali liberi, responsabili dei processi di invecchiamento e della formazione di alcuni tipi di cancro.
  • Proteine: 15-20% del peso secco, specialmente enzimi
  • Aminoacidi: che costituiscono tra l’1 e il 4% del peso secco, tra cui teina, acido glutammico, triptofano, glicina, serina, acido aspartico, tirosina, valina, leucina, tra gli altri.
  • Carboidrati: 5-7% del peso secco, tra cui cellulosa, pectine, glucosio, fruttosio e saccarosio.
  • Minerali e oligoelementi: rappresentano il 5% del peso secco, tra cui calcio, magnesio, cromo, manganese e zinco.
  • Altri elementi: in piccole quantità, sono presenti anche alcuni lipidi, steroli, vitamine (B, C, E), basi xantane (caffeina, teina) e pigmenti, tra gli altri.

Benefici del tè verde a digiuno.

I componenti sopra citati fanno sì che bere tè verde non sia solo un’esperienza piacevole, ma migliori anche una serie di processi di salute:

  • Miglioramento delle funzioni cerebrali. Alcuni dei componenti del tè verde comportano un miglioramento delle funzioni cerebrali e delle capacità cognitive.

Tra questi, la caffeina, ben nota come stimolante per la sua capacità di bloccare l’adenosina, un neurotrasmettitore inibitorio, e di attivare neuroni e neurotrasmettitori come la dopamina e la noradrenalina.

Questo, a sua volta, si traduce in un miglioramento dell’umore, dei tempi di reazione e della memoria. Altri componenti, come l’aminoacido L-teanina, sono in grado di aumentare l’attività del neurotrasmettitore inibitorio GABA, la dopamina e la produzione di onde cerebrali.

  • Attività e prestazioni fisiche. Le sinergie prodotte tra L-teanina e caffeina producono un effetto di aumento dell’attività e una sensazione di veglia, ma con un effetto più stabile e meno esplosivo rispetto al caffè. In termini di prestazioni fisiche, il tè verde è in grado di mobilitare alcuni acidi grassi presenti nei tessuti adiposi e di trasformarli in una fonte di energia.
  • Riduzione del grasso. Il tè verde è un noto alleato delle persone che cercano di perdere peso, poiché è stato dimostrato che è efficace nell’accelerare il tasso metabolico e nell’aumentare i processi di riduzione dei grassi.
  • Azione antiossidante. I componenti antiossidanti sopra menzionati contribuiscono alla prevenzione di alcuni tipi di cancro.
  • Protezione neuronale. I componenti della catechina generano un effetto di protezione neuronale che, a lungo termine, può contribuire alla prevenzione di malattie degenerative come il Parkinson e il morbo di Alzheimer.
  • Salute dentale. Il tè verde può anche aiutare a uccidere i batteri e a inibire i virus dannosi per la salute dei denti che contribuiscono alla carie, alle infezioni, alla placca o all’alito cattivo.
  • Diabete. Gli alti livelli di zucchero nel sangue legati al diabete e all’insulino-resistenza possono essere combattuti da alcuni componenti del tè verde.
  • Malattie cardiache. Il tè verde può avere un impatto positivo sulla riduzione dei fattori di rischio legati al colesterolo e ai trigliceridi, tutti associati alla probabilità di sviluppare alcuni tipi di malattie cardiache.

Perché il tè verde fa bene a stomaco vuoto?

L’assunzione di determinati alimenti o bevande a stomaco vuoto favorisce alcuni processi nutrizionali, in quanto si tratta di momenti in cui non è in corso un processo digestivo.

Pertanto, bere il tè verde a stomaco vuoto può essere particolarmente utile per sfruttare le proprietà sopra menzionate.

Inoltre, per le persone che praticano il digiuno intermittente rispetto al cibo, questa è una bevanda che può rendere il processo più piacevole o più facile, in quanto può rendere il processo più piacevole o più facile:

  • Può eliminare la sensazione di fame che si prova
  • Fornisce energia extra
  • Effetti positivi sulla salute dell’apparato digerente

Tè verde a stomaco vuoto: come berlo

Sperimentare il consumo di alcuni alimenti a stomaco vuoto rientra nel quadro generale dei cambiamenti volti a migliorare il benessere e la salute.

In questo senso, sempre più persone sono interessate a modificare la propria routine e la propria alimentazione per migliorare la propria salute, cambiamenti che si traducono nel provare nuove diete come la dieta keto o nell’incorporare elementi benefici come il silicio biologico.

Bere tè verde a stomaco vuoto, come abbiamo visto, può essere particolarmente benefico. Tuttavia, è importante seguire alcuni passaggi chiave per garantire che il processo sia benefico:

  • Per sfruttare tutto il potenziale del tè verde, riscaldare l’acqua fino a raggiungere i 100°.
  • Non è consigliabile lasciare le foglie per più di 2-5 minuti, altrimenti l’infuso potrebbe risultare particolarmente acido.
  • Se state digiunando, prestate sempre attenzione al tipo di messaggio che il vostro corpo vi sta inviando: se non vi sentite bene, è possibile che il processo non stia funzionando per voi e che dobbiate fare una modifica.
New Call-to-action

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​