5€ de descuento en tu primera compra !Apúntate ahora!

mareos cervicales ansiedad hombre quejándose

Vertigini cervicali e ansia: qual è il legame?

8 minutos 554 views

La vertigine da ansia cervicale è quella sensazione di tensione e anche di dolore nella zona cervicale. Questo accumulo di tensione provoca spesso vertigini o sensazioni di movimento e instabilità.

In questo articolo spieghiamo come le vertigini cervicali siano legate a problemi di salute mentale come l’ansia. Scoprite come potete alleviarla seguendo il giusto trattamento.

New Call-to-action

Perché l’ansia provoca vertigini

Le vertigini cervicali e l’ansia sono collegate perché, soprattutto l’ansia, è una condizione che provoca molte sensazioni fisiche. Quando soffriamo di ansia, si attiva un meccanismo di difesa che mette subito in tensione i muscoli.  Questa tensione, soprattutto se mantenuta a lungo, fa sì che zone come la colonna vertebrale cervicale diventino molto più rigide e quindi meno mobili. Quando ciò accade, anche l’afflusso di sangue al cervello viene ostacolato, rendendoci più inclini alle vertigini.

Le vertigini cervicali possono essere provocate da altri fattori e cause. Tra queste vi sono altri squilibri emotivi, come lo stress o la tensione. D’altra parte, anche alcune malattie come quelle dell’orecchio interno o i disturbi muscolo-scheletrici (fibromialgia, artrite reumatoide, dolore cervicale…) possono scatenare vertigini nella zona del collo.

Sintomi di vertigini cervicali

  • Sensazione di stordimento, anche se si è in piedi o seduti senza muoversi.
  • Dolore che si irradia alle spalle, alle braccia o alla parte superiore della schiena, causato da vertigini al collo dovute all’ansia.
  • Rigidità e tensione nella parte posteriore del collo, soprattutto sul lato sinistro.
  • Perdita di mobilità del collo, che può richiedere l’uso di uno stabilizzatore cervicale o di un collare.
  • Mal di testa, formicolio e persino nausea, sintomi che possono essere intensificati in alcune persone se ricevono molti stimoli da luci, suoni, ecc.

Come alleviare la malattia dell’ansia

Finché la causa delle vertigini cervicali dovute all’ansia non scompare, possono continuare a manifestarsi per giorni o settimane. È necessario consultare un medico per analizzare sia la causa che il trattamento più appropriato per risolvere il problema.

In questo caso, la cosa migliore da fare è rivolgersi alla psicologia. Seguite una terapia cognitivo-comportamentale con un professionista che vi aiuti a gestire le vostre emozioni. Questo vi aiuterà a combattere l’ansia. Anche le tecniche di rilassamento sono utili per migliorare in modo significativo sintomi come il dolore muscolare.

Osteopatia

L’osteopatia è un’altra terapia consigliata per trattare il dolore con tecniche articolari (rimozione dei blocchi nelle vertebre), tissutali (alleggerimento delle tensioni nei legamenti e nei muscoli) o viscerali (lavoro sugli organi, in particolare sul fegato).

Anche i massaggi del collo, della nuca e della muscolatura suboccipitale aiutano a rilassare la zona interessata, riducendo così le vertigini e i capogiri. È possibile massaggiare anche se stessi, ma non nella fase acuta del problema.

Il silicio organico come ausilio

Come integratore per alleviare l’ansia da cinetosi si può usare il prodotto Silicium G5 Gel, che contiene vitamina E e la più alta concentrazione di silicio organico sul mercato. È ottimo per alleviare i problemi alle articolazioni e al collo.

D’altra parte, potete anche assumere Neuro Health, un integratore alimentare con biotina e silicio organico che contribuisce al buon funzionamento del sistema psicologico e nervoso. Se vi sentite bene dal punto di vista emotivo, eviterete di soffrire di ansia. 

Come si vede, è importante conoscere l’origine del problema ed evitare che si trasformi nella conseguenza di soffrire di vertigini cervicali dovute all’ansia. Avete già scoperto la relazione tra i due concetti, i sintomi e il trattamento più appropriato.

Lascia un commento

Non ci sono commenti

​ ​