• In saldo!

Silicium G5 Gel 500 ml

49,95 €
Tasse incluse

AZIONE ESTERNA LOCALIZZATA Gel per uso esterno per un’ampia gamma di applicazioni. Particolarmente pensato per i disturbi e dolori alle articolazioni e riduzione della mobilità articolare.

Sconti sul volume
Quantità Sconto Salva
4 10% Fino a 19,98 €
8 15% Fino a 59,94 €
12 20% Fino a 119,88 €
Quantità

AZIONE ESTERNA LOCALIZZATA Studiato per la sua applicazione topica sulle zone interessate e per agire sull'origine del problema. Molto efficace e con una vasta gamma di usi. Allevia in modo naturale. In molti casi può completare l'assunzione orale per ottenere risultati più rapidi.  Adatto in casi di: Flessibilità Elasticità Mobilità Resistenza MODALITÀ D'USO: Applicare SILICIUM GEL G5 nelle zone interessate tra 3-4 volte al giorno o più se necessario, con un leggero massaggio o lasciando agire il prodotto dopo l'applicazione di un sottile strato. In problemi localizzati applicare il gel generosamente e poi coprire con una pellicola trasparente per evitare l'evaporazione e promuovere un assorbimento ottimale attraverso un'azione prolungata. Questo processo dovrebbe essere eseguito preferibilmente di notte per un maggiore comfort.

INGREDIENTI: Acqua, idrossietilcellulosa, metilsilanolo (silicio organico), citrus grandis, glicerina, silice. Gel ipoallergenico STUDIO IN VITRO J.C Alonso, "Dosaggio della neo-sintesi del collagene". Institut d'Expertise Clinique Espagne, 2008.

Metodologia: valutazione dell'indice di collagene: La separazione e l'identificazione dell'idrossiprolina sono state eseguite mediante HPLC a fase inversa. I picchi di fluorescenza, dopo l'integrazione, hanno permesso di calcolare la concentrazione di idrossiprolina in terreno di coltura. Risultati: I risultati di uno studio in vitro mostrano che il principio attivo Silicium G5 è in grado di aumentare significativamente il livello di collagene prodotto dai fibroblasti umani fino al 19% rispetto al controllo. Sicurezza totale: i risultati mostrano che il prodotto non presenta alcuna citotossicità rispetto ai fibroblasti umani